"Le parole del mio sangue": una preziosa interiorità nelle poesie di Rita Saccone :ilSicilia.it
Palermo

Quest'anno quarta al Premio Luzi

“Le parole del mio sangue”: una preziosa interiorità nelle poesie di Rita Saccone

di
12 Febbraio 2020

Nell’epoca della velocità e dell’effimero, affidato al materiale ma che scompare inevitabilmente nell’oblio, c’è ancora chi nutre e si sostiene della forma creativa più fragile, forse, che è la poesia.

Rita Saccone, docente di Lettere al Liceo Galileo Galilei di Palermo, è una di queste persone che, a discapito dei dettami della società e delle difficoltà oggettive legate all’editoria, soprattutto quella poetica, crede nel potere salvifico dei versi, consapevole che non sia necessario, sempre, alzare la voce per farsi sentire.

Rita Saccone
Rita Saccone e Piero Longo alla presentazione del libro

Ed è così, possiamo dire in punta di penna, che Rita si è classificata quarta alla selezione del Premio Mario Luzi, principale riconoscimento internazionale istituito in memoria del poeta e senatore – considerato il padre dell’ermetismo e tra i maggiori autori del Novecento – Mario Luzi.

Il Premio Luzi, ricordiamo, si avvale, proprio per la sua importanza, del patrocinio del Senato della Repubblica e della massime istituzioni della cultura italiana – Accademie della Crusca e dei Lincei e  Società Dante Alighieri – Tra i vincitori, negli anni, ci sono stati tra gli altri Alberto Bevilacqua, Paola Mastrocola, Vincenzo Ricciardi, Antonino Reitano e Maurizio Cucchi.

Chi scrive racconta la vita, sempre: nelle sue difficoltà, imperfezioni, complicanze e incomprensioni. Chi cerca di raccontare la vita con la forma della poesia ammanta, ancor di più, ogni parola con quell’indefinito sentimento che, quasi sempre, è precursore della necessità di apporre nero su bianco, con uno sforzo interno significativo, la propria voce interiore.

Le parole del mio sangue” – seconda pubblicazione della Saccone, edito dalla Casa Editrice Antipodès – ha conquistato non solo la giuria del Premio ma anche quella popolare proprio per la potenza di quei versi che, leggendoli, appaiono “rari” per la comunicabilità e forza.

Si legge nella prefazione: “È poesia dell’interiorità, dell’esistenza: le immagini della quotidianità sono spesso ridotte a pochi cenni, viste in una luce straniante, in una dimensione interiore, più astratta, che ha spesso la forza di monologhi teatrali. È poesia della bellezza, della musicalità e della suggestione, della preziosità della parola“.

Sono parole semplici quelle usate dalla poetessa Rita Saccone ma penetranti perché cariche di vita vissuta e decodificata in versi per farne messaggio comune, condivisone salvifica di un passaggio di esistenza che, se fatto uscire da sé, diventa strumento di evoluzione e conoscenza dell’umano.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin