Le promesse mancate di Crocetta, Sviluppo Italia Sicilia diffida la Regione :ilSicilia.it
Banner Bibo

La protesta dei lavoratori

Le promesse mancate di Crocetta, Sviluppo Italia diffida la Regione

di
29 Settembre 2017

Un atto d’accusa a tutti gli effetti, contro l’indolenza del governo regionale, la mancanza di assunzione di responsabilità dell’amministrazione e le promesse mancate di Crocetta.

I lavoratori di Sviluppo Italia Sicilia, la partecipata posta in liquidazione dalla Regione, i cui dipendenti non sono stati ancora collocati all’interno di SAS (Servizi ausiliari Sicilia), il contenitore individuato dall’assessore all’Economia Baccei per il loro assorbimento dopo la fine dell’esperienza della società acquistata dalla Regione per attrarre investimenti e poi messa da parte, in una lunga nota attaccano:

“Il governo Crocetta, targato PD, ha cercato di affrontare da un lato il nodo del riordino delle società partecipate regionali e l’Assessore Baccei ne ha chiuso parecchie  per razionalizzare la spesa, cercando di trovare una tutela per i lavoratori che inevitabilmente sarebbero stati licenziati. Dall’altro lato lo stesso Governo ha esternalizzato alcuni servizi svolti da alcune di queste società in house, in particolare l’Assistenza Tecnica, affidandoli alle grosse società presenti sul mercato dal Formez a Invitalia a Ernst & Young, trasferendo il lavoro svolto dalle partecipate regionali a società romane, quasi non ci fosse in Sicilia il problema della disoccupazione“.

Con la creazione dell’Albo Unico (art. 64 L.R. 21/14), è nata la possibilità di  collocare i lavoratori licenziati e dal quale le società rimaste in vita avrebbero dovuto attingere per le loro esigenze di personale. Il governo ha infatti  individuato nella società Servizi Ausiliari Sicilia, la SAS, la società che avrebbe dovuto assumere i lavoratori sulla base della sottoscrizione di nuovi contratti di servizio con numerosi Dipartimenti regionali che hanno manifestato l’esigenza dell’erogazione di alcuni servizi attraverso il personale dell’Albo, per la gran parte costituito da ottime professionalità.

La nota quindi aggiunge: “Dopo la convocazione dell’Assessore Baccei di tutti i lavoratori dell’Albo Unico il 9 Maggio scorso, in seguito all’approvazione della norma da parte del Parlamento siciliano, sembrava imminente lo sblocco della vertenza ma ad oggi, nonostante le tante promesse del Governo, non si registra alcun passo in avanti. I lavoratori di Sviluppo Italia Sicilia e Sicilia Ricerche, collocati nell’Albo e i lavoratori di SPI inseriti con apposito provvedimento, versano in uno stato di grandissima tensione e sono esasperati dal continuo rimpallo di responsabilità tra l’Assessorato all’Economia e la SAS. A fronte delle richieste di profili professionali espresse dai Dipartimenti Regionali che superano per numero quelli dei lavoratori presenti nel bacino, non è possibile perdere ancora tempo mortificando i lavoratori, alcuni dei quali versano in uno stato di grandissimo disagio non potendo percepire gli ammortizzatori sociali, essendo trascorsi oltre due anni dal loro licenziamento, e ignorando  la volontà del Parlamento siciliano”.

E ancora prosegue: “Oggi i lavoratori di SAS si chiedono come mai alla vigilia della conclusione del lunghissimo iter perl’assunzione si utilizzi un parere restrittivo dell’Avvocatura per vanificare la volontà del Parlamento siciliano che è chiara ed inequivocabile e in linea con la legislazione nazionale e che alla luce dei fatti appare come una foglia di fico per nascondere l’incapacità del Governo e della burocrazia regionale ad applicare le leggi. Alla luce di queste considerazioni questi lavoratori  chiedono al Governo di procedere con sollecitudine secondo il volere del legislatore, all’immediata assunzione in SAS di tutti i lavoratori dell’Albo”.

Una vicenda che comincia a tingersi di un tono surreale, in cui a pagare sono i lavoratori, mentre l’inerzia della politica rimane impunita.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti