Le scelte di Salvini e la Lega in Sicilia. La necessità di una nuova classe dirigente | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Il Carroccio fra big del passato e un rinnovamento possibile

Le scelte di Salvini e la Lega in Sicilia. La necessità di una nuova classe dirigente

di
5 Aprile 2018

L’inchiesta della procura di Termini Imerese che ha mandato agli arresti domiciliari Salvino e Mario Caputo e vedrebbe indagati, fra gli altri, Alessandro Pagano e Angelo Attaguile, pone una questione delicata di tenuta della Lega in Sicilia e di selezione della sua classe dirigente.

Il partito di Salvini, che nel tempo ha visto crescere attenzione e consensi nell’Isola, rischia, infatti, di ricevere proprio dalla nostra regione un sonoro ceffone.

Inchieste penali a parte, il dato è che Matteo Salvini, nel costruire e tentare di consolidare la propria forza in Sicilia, si è affidato fino ad ora a “vecchie glorie” della politica isolana, con radici ben solide nel passato. E così, ecco che sul Carroccio leghista sono saliti centristi ex berlusconiani ed ex alfaniani, ex fedelissimi di Raffaele Lombardo, ex deputati regionali in cerca d’autore e di una seconda giovinezza: insomma una pattuglia di ex di qualcosa, il più delle volte compromessi con i governi del passato, folgorati sulla via del leghismo.

Di certo, al “Capitano” leghista la presenza con ruoli di responsabilità di esponenti politici non di primo pelo ha garantito un immediato e consolidato bacino elettorale, senza la fatica di dover incominciare da zero, purtuttavia questa scelta ha evidentemente tenuto a debita distanza un gran numero di Siciliani, esponenti del mondo delle professioni, dell’imprenditoria e della cultura, osservatori e simpatizzanti della Lega, ma restii ad approcciarsi a un partito che vede schierati nelle prime linee nomi fin troppo noti del passato politico isolano.

Ovviamente, questo non vuol dire che la Lega debba puntare su neofiti inesperti e non strutturati, perché in tal caso si cadrebbe nell’eccesso opposto di basarsi sull’inesperienza, ma di certo, le vicende di questi ultimi tempi dovrebbero indurre a selezionare più attentamente la classe dirigente del partito leghista in Sicilia, magari attingendo proprio a quei mondi – imprenditoriale, sociale, culturale – che guardano con attenzione alle idee dei salviniani e al tentativo dello stesso Salvini di consolidare ulteriormente una forza politica nazionale non più ristretta dentro i marginali confini padani, ma con idee ferme sui valori e i grandi temi.

Pare che le affermazioni a caldo del capogruppo della Lega alla Camera Giorgetti siano orientate ad andare in questa direzione. Dalle prossime mosse di Matteo Salvini si vedrà, comunque, quali saranno gli intendimenti del leader leghista.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin