Le sorelle Napoli difendono la memoria del padre: "Calunnie, quereliamo" | Video interviste :ilSicilia.it
Palermo

L'annuncio dell'avvocato Bisagna

Le sorelle Napoli difendono la memoria del padre: “Calunnie, quereliamo” | Video interviste

di
21 Dicembre 2018

Guarda il video in alto

Via alle contromosse delle sorelle Irene, Ina e Marianna Napoli per tutelare la memoria del padre: l’avvocatosorelle Irene e Ina Napoli delle donne di Mezzojuso, Giorgio Bisagna, ha annunciato che due persone saranno querelate per diffamazione aggravata, anche se non ha reso note le loro identità. Ed è tornato sugli ultimi risvolti della vicenda, che hanno visto il genitore delle tre sorelle tirato in ballo come capomafia di Mezzojuso dal generale dei carabinieri Nicolò Gebbia durante la deposizione in un processo. “Sono solo calunnie – ha affermato l’avvocato Bisagna -, sono state riportate informazioni parziali e antecedenti a una condanna per calunnia (di cui sarebbe stato vittima proprio Nicolò Napoli, ndr), come accertato da una sentenza nel lontano 1974“.

sorelle Irene e Ina NapoliIn un’informativa del Ros, nel 2001, si affermava che Salvatore Napoli fosse vicino ad ambienti di Cosa nostra. il legale ha convocato oggi i giornalisti per rendere noto un fatto nuovo: “Abbiamo una sentenza di calunnia del 1974 nei confronti una persona, Francesco Bonanno, in cui il signor Napoli era vittima della calunnia“. Poi La conclusione del legale: “Ci chiediamo come mai il Ros non abbia tenuto conto nell’informativa della sentenza sulla calunnia del 1974“.

La vicenda delle sorelle Napoli è assurta agli onori della cronaca anche per le numerose puntate dedicate dalla trasmissione condotta da Massimo Giletti, Non è l’Arena, che proprio per la costante attenzione mediatica, giudicata eccessiva dal sindaco di Mezzojuso, è stato querelato da quest’ultimo. Le tre donne sono proprietarie di un’azienda agricola coltivata a cereali e foraggio. Dopo la morte del padre hanno subito minacce e intimidazioni volte a costringerle a vendere l’attività. Le tre donne hanno denunciato danneggiamenti, l’uccisione dei propri cani, sconfinamenti di vacche che vanno nei loro terreni: “Stanno calunniando il nostro operato – dicono – è vergognoso

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin