Le spoglie del prof. Tusa tornano in Sicilia, camera ardente a Palazzo d'Orleans | ilSicilia.it :ilSicilia.it

sarà sepolto nella chiesa di San Domenico a Palermo

Le spoglie del prof. Tusa tornano in Sicilia, camera ardente a Palazzo d’Orleans

di
16 Ottobre 2019

Le autorità etiopi consegnano le spoglie di Sebastiano Tusa, morto nella sciagura aerea dello scorso 10 marzo. La salma arriverà a Palermo giovedì prossimo e sarà portata a Palazzo d’Orleans, dove sarà allestita la camera ardente.

Successivamente l’assessore verrà cremato ed i resti saranno custoditi nella stessa chiesa, dove riposa attualmente anche il giudice Giovanni Falcone, oltre ad altri illustri personaggi, come Giuseppe Pitrè, Camillo Finocchiaro Aprile e Francesco Crispi.

L’incidente aereo dell’Ethiopian Airlines, provocò la morte di 157 persone, 8 delle quali italiane. L’aereo chiamato “dei volontari”, era decollato da Addis Abeba per raggiungere Nairobi, in Kenya, dove era in programma una conferenza dell’United Nations Environment. Tusa, archeologo di fama internazionale e assessore regionale ai Beni culturali era diretto a Malindi per una conferenza dell’Unesco.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin