"Le Stelle di Taormina": la mostra su 100 anni di cinema nella Perla è un successo :ilSicilia.it
Messina

l'esposizione verrà prorogata

“Le Stelle di Taormina”: la mostra sui 100 anni di cinema nella Perla è un successo| VIDEO

di
28 Luglio 2019

Prosegue con l’apprezzamento di numerosi visitatori la mostra “Le Stelle di Taormina” promossa ed organizzata dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia, che dallo scorso 18 maggio è in corso alla “Casa del Cinema”, in Corso Umberto. L’ex pretura, immobile concesso in comodato d’uso gratuito dal Comune di Taormina alla Fondazione Taoarte, ospita sino al primo settembre una esposizione che rappresenta un vero e proprio viaggio in quasi cento anni di storia del cinema italiano e straniero attraverso locandine, manifesti, cineromanzi e foto di scena dei film girati interamente o in parte a Taormina.

Una mostra imperdibile, curata dall’avvocato Ninni Panzera, segretario generale della Fondazione TaoArte, che si è impegnato con dedizione e passione in prima persona nella raccolta di tante immagini rare e meravigliose.

Non solo di personaggi noti ma anche dei simboli di Taormina: il Teatro Antico, il fascino e il lusso del San Domenico, il suggestivo Corso Umberto e i suoi tanti vicoli, la Villa Comunale, la stazione ferroviaria, Isola Bella, Capo Taormina e la grandezza dell’Etna che fa da sfondo a tanti fotogrammi.

Manifesti italiani ma non solo. Numerosi, infatti, i pezzi provenienti dall’estero, a consolidare l’idea di quanto il cinema e i suoi materiali pubblicitari siano stati anche uno straordinario mezzo di promozione turistica per il territorio di Taormina e per la Sicilia da un secolo a questa parte.

“La mostra – spiega l’avv. Panzera – propone una Taormina vista da una visuale molto particolare, il set dei 46 film che hanno scelto Taormina come loro straordinaria location. Il primo film è stato girato proprio 100 anni fa ed è “L’appel du sang”, film francese che è stato proiettato di recente nel corso del Festival del Cinema e che ha messo in mostra una Taormina davvero particolare e bellissima di un secolo fa. Si tratta di una carrellata davvero molto interessante che merita di essere vista e che propone 120 pezzi, ritrovati in varie parti del mondo a seguito di una ricerca durata una decina di anni. Il pezzo più curioso, ad esempio, come Intrigo a Taormina l’ho ritrovato da un collezionista in Perù”. “La mostra – annuncia infine Panzera – visto il successo che ha avuto verrà prorogata sino a tutto il periodo dell’autunno”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.