Le tartarughe Caretta caretta scelgono ancora la Sicilia, nuovo nido a Trappeto | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

FONDAMENTALE LA SEGNALAZIONE DI UNA RAGAZZA DEL POSTO

Le tartarughe Caretta caretta scelgono ancora la Sicilia, nuovo nido a Trappeto | VIDEO

di
28 Giugno 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

La natura a Trappeto, comune in provincia di Palermo, ha riservato oggi una bella sorpresa.

E’ stato infatti scoperto un’altro nido di Caretta caretta, grazie alle tracce inconfondibili riconosciute da una ragazza frequentatrice della spiaggia.

Viviana Satta ha infatti riconosciuto i segni lasciati sulla spiaggia da una grande tartaruga marina, nella notte tra il 25 e il 26 giugno scorso. Ricordiamo che le testuggini di tipo caretta caretta sono a rischio estinzione.

La ragazza è poi riuscita a mettersi  in contatto con il network tartarughe marine del WWF Sicilia Nord Occidentale.

Francesco Paolo Palazzo, rappresentante locale del movimento ambientalista e referente del progetto “Life Euroturtles”, autorizzato dal Ministero dell’Ambiente, ha quindi effettuato un sopralluogo e il riscontro è stato positivo. Secondo nido accertato nel golfo di Castellammare, ad una settimana esatta dal primo di Alcamo marina.

Allertata Guardia Costiera e Comune di Trappeto come da prassi, si è provveduto a mettere in sicurezza il nido, recintando la zona.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.