Le Vie dei Tesori: la XIII edizione chiude con oltre 400 mila visitatori :ilSicilia.it
Palermo

quest'anno dedicata Sebastiano Tusa

Le Vie dei Tesori: la XIII edizione chiude con oltre 400 mila visitatori

11 Novembre 2019

La tredicesima edizione de Le Vie dei Tesori, dedicata alla memoria dell’assessore Sebastiano Tusa, ha fatto registrare numeri importanti.

Rispetto allo scorso anno, si sono registrati 272 mila visitatori,  sfiorando i 404 mila utenti totali, considerando tutte le province.

Tra tutti, però, il dato che salta all’occhio è quello relativo all’indice di gradimento, pari al 91 %, dei turisti che hanno preso parte ai weekend, chiedendo che il festival venga ripetuto.

Secondo l’Osservatorio sul Turismo delle isole europee, l’OTIE, che ha studiato l’effetto “Palermo” nel dettaglio, in sintesi, il 42 % dei visitatori è arrivato a Palermo appositamente per partecipare alla manifestazione.

Le Vie dei Tesori

Se ancora servissero testimonianze o altri numeri per sottolineare che la strada da battere per il rilancio turistico dell’Isola, in generale, debba passare dalla valorizzazione delle innumerevoli risorse artistiche disseminate in ogni angolo, la chiusura della stagione 2019 ne è conferma.

Le Vie dei Tesori quest’anno ha aperto quasi 500 luoghi delle più diverse titolarità (Stato, Regione, Comune, Diocesi, Università, enti diversi, privati). Sono stati fatti investimenti, tra l’altro, sui giovani, restaurando tre opere d’arte nelle città che hanno partecipato a questa edizione.

LE VIE DEI TESORI A PALERMO

Ecco i luoghi che sono stati aperti: la chiesa di Santa Caterina, Loggiato San Bartolomeo, il rifugio antiaereo di Palazzo delle Aquile; il complesso del Santissimo Salvatore; l’Oratorio di San Lorenzo; la Cattedrale; l’oratorio della Carità di San Pietro ai Crociferi; il Teatro Bellini; il Villino Florio e le Stanze al Genio; il Cimitero degli Inglesi; l’Educandato Maria Adelaide;  la Prefettura e la Questura; le due Missioni di Biagio Conte; il museo sociale e il teatro di Danisinni; il complesso del Malaspina e il carcere Ucciardone; l’aeroporto di Boccadifalco; la Casina Cinese e la Palazzina ai Quattro Pizzi all’Arenella.

E da Roma sono giunti, per il quarto anno, la medaglia di rappresentanza del presidente della Repubblica e i patrocini del Senato, della Camera, del ministero dei Beni culturali.

Altra carta vincente su cui il Festival punta ogni anno è il progetto KIDS, pensato per i più piccoli, che ha coinvolto quasi 4 mila bambini sia in città che in provincia, a Carini e Ficuzza.

Il Festival, che non gode di finanziamenti pubblici stabili, è un progetto di innovazione sociale, espressione coniata per la prima volta nel 1972 per indicare progetti e strategie di sviluppo alternative e sostenibili.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.