"Le Vie dei Tesori", quando la cultura genera turismo | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Presentati i numeri dell'ultima edizione

“Le Vie dei Tesori”, quando la cultura genera turismo | VIDEO

di
23 Novembre 2018

Guarda il video in alto 

Quando la cultura diventa traino per il turismo: esempio ne è l’ultima edizione del festival “Le vie dei tesori“, appena concluso, che ha registrato una sorprendente crescita di visite e non solo, avendo generato un indotto economico di oltre tre milioni di euro, secondo i dati dell’Osservatorio sul turismo delle isole europee.

vie dei tesori

A tal proposito l’assessore regionale al Turismo Sandro Pappalardo ha annunciato che in questi giorni verrà firmato il decreto che farà entrare la manifestazione “Le Vie dei tesori” nel cartellone dei grandi eventi della Regione siciliana.

Ecco i numeri: 365mila visitatori, di cui 265 mila solo a Palermo in cinque weekend, per 130 siti  aperti in città che salgono a 300 se si aggiungono le altre sette province siciliane, più Milano, Mantova e la Valtellina.

Dalle interviste svolte ai visitatori, il 61 per cento è giunto a Palermo sulla scia dell’eco della manifestazione.

Il carcere dell’Ucciardone

Tra i luoghi aperti per la prima volta quest’anno, che hanno riscosso grande affluenza di pubblico, vi è il carcere dell’Ucciardone, dove si sono svolte le “visite teatralizzate” curate da Lollo Franco, e da dove si è voluto chiudere il cerchio presentando i dati finali.

Si conferma una manifestazione di quantità e di qualità – ha detto il sindaco Orlando – con una esperienza che, oltre al territorio nazionale, ha coinvolto questa struttura carica di storia e sofferenza, contribuendo all’umanizzazione della pena, per cui mi batto da tempo. La collaborazione con l’Ucciardone continuerà grazie ad una convenzione stipulata con il Ministero di Grazia e Giustizia e la proposta che noi facciamo è che il carro del festino 2019 sia opera dei detenuti“.

vie dei tesori

Tra i luoghi più visitati il rifugio antiaereo di piazza Pretoria con oltre sette mila visitatori, e poi  l’aeroporto militare di Boccadifalco con 5.653 ingressi, anch’esso in prima apertura al pubblico.

Molto apprezzati infine i palazzi storici, Palazzo Alliata di Villafranca e Palazzo Zingone tra i principali, e poi ancora la Casina Cinese e Cattedrale con i suoi tesori e l’ex manifattura Tabacchi nel quartiere dell’Acquasanta.

Quest’anno il Festival ha vinto il bando per per le iniziative di massimo interesse turistico dell’assessorato regionale al Turismo, promosso dell’assessorato regionale ai Beni culturali, è inserito  nelle manifestazioni dell’Anno europeo del Patrimonio culturale. Per il terzo anno consecutivo, infine, ha ricevuto la medaglia di rappresentanza della Presidenza della Repubblica, del Senato della Repubblica e il patrocinio della Camera dei deputati.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.