L'economia siciliana? "Tutto va bene, madama Marchesa" :ilSicilia.it

l'articolo del professor Pietro Busetta

L’economia siciliana? “Tutto va bene, madama Marchesa”

di
31 Dicembre 2020

Questa specie di nave corsara che é stata la Sicilia, col suo bel gattopardo che rampa a prua, con i colori di Guttuso nel suo gran pavese, con i suoi più decorativi pezzi da novanta cui i politici hanno delegato l’onore del sacrificio, coi suoi scrittori impegnati, con i suoi Malavoglia, con i suoi Percolla, con i suoi loici cornuti, coi suoi folli, coi suoi demoni meridiani e notturni, con le sue arance ed il suo zolfò e i suoi cadaveri nella stiva, affonda amico mio, affonda.” Così Sciascia, per bocca del prof Laurana descrive la Sicilia in “A ciascuno il suo”.

Si purtroppo se non affonda e perché Colapesce continua a rimanere a reggere una colonna che si é rotta ma anche perché sta diventando sempre più leggera perché la gente se ne sta andando. 25.000 siciliani ogni anno lasciano per sempre l’Isola e sarà anche peggio dopo questa grande epidemia”

Le previsioni dell’assessorato all’economia siciliana nel DEF che prevedono un meno 8% per il 2020, peraltro sotto valutato per i dati di Diste Consulting riportati nel suo ultimo report semestrale, sono anch’essi drammatici. Anche se é complicato prevedere il crollo che vedremo non appena le attività potranno ripartire non vi é dubbio che già prima della pandemia la nostra era una economia allo sbando. E che nulla di veramente nuovo si sta facendo per cambiare direzione del percorso.
Gestiamo l’ordinario mentre siamo sull’orlo del baratro, le Zes ancora stentano a partire, il collegamento con l’Italia con l’alta velocità é rinviato sine die, il porto di Augusta che potrebbe diventare il concorrente di Tangeri langue nella sua inoperosità, il ponte sullo stretto cancellato da Mario Monti diventa sempre più una via di fuga, un’araba fenice, che non sarà mai realizzato. Mentre la gestione della pandemia ci sta dando dati tra i peggiori dell’Italia, il 30 siamo riusciti a superare pure la Campania per contagiati.

Ma come per il Paese sembra che tutti siano pronti a dire “tutto va bene madama la marchesa “.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin