Lega Palermo, costituito il direttivo dell'area metropolitana :ilSicilia.it
Palermo

il carroccio in città

Lega Palermo, costituito il direttivo dell’area metropolitana

di
6 Luglio 2021

Si è costituito il direttivo dell’area metropolitana di Palermo della Lega Sicilia. Due uomini e tre donne. Si tratta di Antonino Di Caccamo, Cristiano Battaglia, Carmela Bennardo, Claudia Serio ed Elisabetta Luparello. Le nomine sono arrivate dal responsabile del partito per l’area metropolitana di Palermo, Alessandro Anello. Gli incarichi sono stati formalizzati nella sede regionale del partito di via Garzilli alla presenza tra gli altri del coordinatore della segreteria politica regionale Pippo Fallica.

I cinque nuovi vice responsabili dei collegi cittadini dell’area metropolitana – dice Anello – rafforzeranno l’azione del partito nell’ambito di un percorso di strutturazione che punta a rappresentare in modo capillare e incisivo ogni angolo di territorio a Palermo e non solo. Ad Antonino, Cristiano, Carmela, Claudia ed Elisabetta auguro buon lavoro con un grosso in bocca al lupo per le importanti sfide che attendono tutti noi per conto del grande partito che abbiamo scelto di rappresentare, la Lega guidata da Matteo Salvini. A Palermo – conclude Anello – stiamo costruendo una squadra che dovrà caratterizzarsi per competenza, lealtà e spirito di reciproca collaborazione: un gruppo di lavoro che insieme con le altre forze del Centrodestra sarà chiamato a costruire il progetto per il nuovo governo della città in netta alternativa alla sinistra ed alla fallimentare amministrazione dell’ormai archiviato sindaco Orlando“.

Sarò lieta di dare un contributo a questa città, devastata dall’esperienza Orlando, e voglio specialmente migliorare le condizioni di giovani e famiglie. Grazie all’On. Nino Minardo per avere riposto in me la sua fiducia. Un grazie particolare ad Igor Gelarda, che è stato sin dall’inizio il punto di riferimento di Salvini a Palermo, e lo è ancora, per l’energia e l’amore che pone ogni giorno per la sua città, per me modello di buona e giovane politica. Palermo ne ha bisogno.”, ha detto invece Elisabetta Luparello.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin