Lega Pro: weekend tragico per le siciliane! Catania, esonerato Novellino :ilSicilia.it
Catania

ETNEI FERMATI DAL RIETI

Lega Pro: weekend tragico per le siciliane! Catania, esonerato Novellino

di
6 Maggio 2019

Una volta si usava dire “buona fine e buon principio”. Evidentemente le squadre siciliane non hanno ben compreso questo detto popolare, visto i risultati dell’ultimo turno del girone C di Lega Pro. Il Catania pareggia contro il Rieti ma, per l’importanza della partita in chiave classifica, è come se avesse perso. La società ha fatto sapere che ha esonerato l’allenatore Walter Novellino, richiamando sulla panchina Andrea Sottil. Evidentemente la società etnea punta a riacquistare un equilibrio all’interno dello spogliatoio, perso da alcune partite. A dire il vero, mister Novellino le ha provate davvero tutte in stagione, cambiando modulo ed interpreti, ma non è servito a niente.

I rossoblu confermano tutti i loro limiti in attacco, sbloccando la partita solo con un calcio di rigore di Lodi, capocannoniere (ed è tutto dire) del Catania con 11 reti stagionali. Il pareggio del Rieti arriva sull’ennesimo rigore concesso agli avversari, realizzato da Cernigoi. Se consideriamo anche la gara di Cava dei Tirreni, sono almeno quattro i punti persi a causa di disattenzioni difensive in area di rigore.

I giocatori etnei sembrano mancare di motivazione e di carattere, elementi che ha messo ieri in campo il Catanzaro, il quale soffia il terzo posto agli etnei battendo un Trapani a mezza trazione per 6-3. Il Trapani segna tre gol nei primi dieci minuti con Golfo, Evacuo e Toscano, poi sparisce dal campo. Il Catanzaro ribalta la partita già a fine primo tempo, per poi mettere in campo una intensità a cui gli uomini di mister Italiano forse non erano pronti. Il Trapani può consolarsi guardando al tabellone dei play-off. Il secondo posto in campionato permetterà ai granata di partire più avanti nel tabellone dei playoff.

Male anche il Siracusa e la Sicula Leonzio, sconfitte rispettivamente dal Monopoli (4-1) e dalla Casertana (0-3). Tutte e due le squadre si sono rivelate assenti dal punto di vista mentale, con la testa già alle vacanze estive, il che si è rivelato fatale di fronte a squadre che si giocavano i playoff proprio all’ultima giornata. Nonostante il finale deludente, le due siciliane si potranno godere un altro anno all’ombra del professionismo.

La stagione non è ancora finita. Ad attendere Trapani e Catania adesso vi è la lunga lotteria dei playoff. Fondamentale per il Catania sarà ritrovare un unità di gruppo e un gioco quantomeno incisivo sotto porta. Per il Trapani invece l’obiettivo è mantenere lo stato di forma che ha contraddistinto il girone di ritorno, cercando di raggiungere la tanto agognata promozione.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.