22 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.03
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

LA POLEMICA

Lega: “Sprechi e mala gestione al canile di Palermo”

11 ottobre 2018

“Il disinteresse del sindaco Orlando per le sorti dei suoi concittadini in questi giorni colpisce anche i cani del canile municipale dell’ex-mattatoio”. A denunciarlo Igor Gelarda ed Elio Ficarra, i due consiglieri comunale della Lega a Palermo.

Igor Gelarda
Igor Gelarda

“Abbiamo fatto in passato diversi sopralluoghi, e sappiamo bene che la situazione al canile non è delle migliori. La struttura non solo non è a norma, ma non è adeguata ad accogliere la mole di animali abbandonati e randagi che ogni giorno vengono segnalati e recuperati per le strade di Palermo. Ma la soluzione non è quella proposta dal sindaco Orlando con un bando, vinto da due aziende del Casertano, che prevede il trasferimento dei cani in canili campani, con un costo per le casse cittadine di 380 mila euro. Senza essere certi di cosa accadrà ai cani al termine dei 6 mesi previsti dal bando e una volta terminati gli incentivi.

Il Comune, senza tanto riguardo al loro benessere, si sarà liberato di questi cani. Ma senza intervenire selle cause, senza approntare interventi mirati a fermare gli abbandoni, attraverso controlli e azioni di sensibilizzazione della cittadinanza, e anche incentivi alla sterilizzazione dei cani padronali, nel giro di pochi giorni il canile sarà di nuovo pieno.

E tra qualche mese ci ritroveremo di nuovo a discutere dello stesso argomento. Ancora una volta i soldi dei cittadini spesi senza tenere conto della soluzione dei problemi, ma ancora una volta nascondendoli sotto il tappeto“.

 

LEGGI ANCHE:

Bloccato nel canile di Palermo il trasferimento degli animali in Campania: “Mezzi non idonei”

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.