Legalità e sicurezza, Musumeci: "Protocollo d'intesa porta 200 milioni alla Sicilia" :ilSicilia.it

L'accordo con lo Stato

Legalità e sicurezza, Musumeci: “Protocollo d’intesa porta 200 milioni alla Sicilia”

di
17 Aprile 2018

Oltre 200 milioni di euro alla Sicilia per iniziative finalizzate alla legalità, alla sicurezza e alla coesione sociale. Lo prevede un Protocollo d’intesa sottoscritto, oggi a Palazzo d’Orleans, dal presidente della Regione, Nello Musumeci, e dal vice capo della Polizia, Alessandra Guidi. Alla firma erano presenti anche il prefetto di Palermo, Antonella De Miro, il vicepresidente della Regione, Gaetano Armao, e il dirigente generale del dipartimento Affari extraregionali, Vincenzo Falgares.

La finalità dell’accordo è l’integrazione dei fondi nazionali e regionali destinati alle politiche di coesione e al riequilibrio territoriale. Un’azione di cooperazione inter-istituzionale per accrescere le condizioni di sicurezza e diffondere la legalità. Grazie all’intesa vengono messi a disposizione dell’Isola 130 milioni di euro dallo Stato attraverso il ‘Pon Legalità‘ e il resto dalla Regione con i Programmi operativi Fesr e Fse 2014/2020. Con la sottoscrizione dell’accordo anche da parte del segretario generale della presidenza del Consiglio dei ministri, Paolo Aquilanti, del direttore generale dell’Agenzia per la Coesione territoriale, Maria Ludovica Agrò, e del direttore generale dell’Agenzia nazionale per i Beni confiscati, Ennio Maria Sodano, dalla prossima settimana il Protocollo diventerà operativo.

In particolare, 32,5 milioni di euro verranno destinati all’innalzamento dei livelli di sicurezza per il controllo e il monitoraggio delle principali aree produttive (industriali, rurali e siti Unesco) ad alte potenzialità di sviluppo economico e commerciale, ma con precarie condizioni di legalità e sicurezza. Nelle zone rurali si interverrà, prioritariamente, sulle quelle caratterizzate da fenomeni di caporalato e di abigeato, mentre per le aree produttive, caratterizzate da insediamenti industriali, i territori individuati sono: l’agglomerato di Carini, la zona di Catania e i settori Nord 2 e Nord-Est di Gela.

Musumeci e Armao“Il crescente desiderio di sicurezza nelle aree urbane e rurali dell’Isola – afferma il presidente Musumeci – trova una concreta risposta in questa iniziativa che vedrà protagonista la Regione assieme alle Prefetture e ai Comuni. Era uno degli impegni che avevo assunto con i siciliani e che si concretizza anche come presupposto per il corretto sviluppo del territorio”.

Quasi 70 milioni di euro sono stati, invece, assegnati al rafforzamento del sistema di gestione dei beni confiscati. Previste attività di animazione socio-culturale e sportiva a favore di residenti in aree urbane marginali e potenziamento della rete di pronto intervento sociale per i senza dimora. E ancora interventi a favore di centri per donne vittime di violenza, per strutture di servizio in zone con alti tassi di dispersione scolastica e per il sostegno di aziende confiscate alle mafie al fine di salvaguardare i posti di lavoro.

“E’ con grande soddisfazione – sottolinea il vice capo della Polizia, Alessandra Guidi – che chiudiamo l’intesa con la Sicilia: l’impegno del Pon Legalità e, più in generale del dipartimento della Pubblica sicurezza, unito a quello della Regione rafforzano la capacità di agire sulla cultura della legalità e intervenire sulle fragilità di contesto, che possono favorire le infiltrazioni criminali e la corruzione”.

Per favorire l’inclusione sociale e la diffusione della legalità, sono stati stanziati 76 milioni di euro. Verranno utilizzati per progetti di integrazione per gli immigrati regolari, richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale, oltre che per particolari categorie di soggetti a rischio devianza. Gli interventi prevedono pure il miglioramento del sistema integrato di gestione del fenomeno migratorio mediante la valorizzazione, il recupero e l’adeguamento di beni immobili pubblici, anche confiscati, da destinare all’accoglienza e all’integrazione, oltre al contrasto del caporalato e dello sfruttamento lavorativo in agricoltura.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin