26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42
Palermo

Sabato 5 gennaio ore 10 il sit-in di protesta

Legambiente: “Abbattiamo l’ecomostro abusivo di Aspra acquistato dai Cinquestelle”

3 Gennaio 2019

Abbattiamolo“. Non usa mezzi termini il circolo Legambiente Bagheria. Sabato 5 gennaio, insieme a Legambiente Sicilia organizzano un sit-in di protesta ad Aspra, presso la spiaggia Sarello, baia dei Ciclopi, dove sorge un ecomostro.

«Con questo presidio – scrive Legambiente – si chiede l’abbattimento del pericoloso e più volte vandalizzato ecomostro che si affaccia sulla spiaggia e che è stato negli anni già oggetto di attenzioni da parte di Legambiente. 

Patrizio Cinque
Patrizio Cinque

Il circolo ha chiesto l’accesso agli atti per acquisire tutta la relativa documentazione per fare luce sulle strane e anomale procedure seguite dopo l’acquisto dell’ecomostro, da parte della società “Nuova Poseidonia srl”, costituita da dirigenti del Movimento Cinque Stelle con il Sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, riguardanti soprattutto le possibili parti abusive che si vorrebbero sanare per trasformarlo in un albergo. Ma, fino ad oggi è stato impedito l’accesso agli atti, Legambiente si è rivolta al TAR per ottenere un diritto garantito dalla legge a tutti i cittadini».

Saranno presenti il presidente di Legambiente Sicilia, Gianfranco Zanna e la direttrice regionale Claudia Casa.

Il link dell’evento su Facebook:


Per raggiungere il sito: percorrere la SS 113, superata Villa Cattolica a Bagheria, al passaggio a livello girare a sinistra per via Scaduto. Alla fine della strada, girare a destra per la litoranea Aspra Mongerbino (Via Perez). Le bandiere di Legambiente segnaleranno il luogo del sit-in.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.