12 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.19

Sarebbero molti impiegati delle partecipate

Legge di bilancio: “L’Ars vuole sanare le assunzioni dei ‘figli di’ “. La denuncia di De Luca

22 Marzo 2018

Promette battaglia l’onorevole Cateno De Luca contro il tentativo in corso da parte dell’Assemblea regionale siciliana di sanare la posizione del personale assunto “in violazione di legge” nelle società-satellite della Regione Siciliana. Si tratta di centinaia di persone entrate negli anni nella galassia degli enti regionali a chiamata diretta”. “Il Parlamento – dice De Luca in un video pubblicato sulla sua pagina Facebook – sta tentando proprio con l’articolo 1 del d.l. 46 di fare una grande insaccata e sanare tutte queste situazioni”.

Guarda il video il alto

Il provvedimento generale di cui parla De Luca è la legge di bilancio che l’Ars si appresta a votare nei prossimi giorni. Un atto che sta animando il dibattito politico siciliano, mentre nessuna notizia era fin’ora trapelata sulla norma messa all’indice dal deputato messinese. Un’operazione insidiosa dal punto di vista comunicativo, perchè fornisce alle opposizioni un assist molto ghiotto per attaccare il governo Musumeci e le forze che lo sostengono.

Io non ci sto – spiega De Luca perchè non è giusto nei confronti dei giovani siciliani che si laureano con grandi sacrifici, che sono delle eccellenze che rimangono disoccupati oppure sono costretti ad andarsene al Nord o all’estero e qui ci troviamo sempre con ‘i figli di’, con ‘i compari di’ ad essere stati chiamati nelle società partecipate utilizzando sempre le risorse dei siciliani come un bancomat. Non ci sto e questa norma non passerà”. Pertanto ha già annunciato il suo voto contrario in Aula.

Non è la prima volta che Cateno De Luca affronta il problema. Già nel 2010, spiega lui stesso nel video, era riuscito ad introdurre delle norme in finanziaria per impedire queste pratiche clientelari nelle società partecipate della Regione. Norme che prevedevano sanzioni per presidenti, direttori e consigli di amministrazione e che, come sostiene De Luca, sono state sistematicamente disattese e successivamente abrogate nel 2017 durante il governo Crocetta con la legge regionale numero 16.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.