Legge sulla caccia compie 30 anni: il 76% degli italiani è a favore dell’abolizione :ilSicilia.it

il report del wwf

Legge sulla caccia compie 30 anni: il 76% degli italiani è a favore dell’abolizione

di
11 Febbraio 2022

Oggi la “legge sulla caccia” compie 30 anni e secondo un sondaggio del Wwf il 76% degli italiani è contrario a questa attività e sarebbe d’accordo nel vietarla in tutto il territorio nazionale. 

L’associazione ambientalista ha anche stilato un report sulla legge 157 del ’92 “Legge quadro sulla caccia e sulla tutela della fauna selvatica” che documenta come “quella che doveva essere una legge innovativa è stata sin da subito tradita da chi avrebbe dovuto applicarla, le Regioni innanzi tutto”.

Anche per dare attuazione ai nuovi principi costituzionali, afferma il Wwf, “serve un testo unico che tuteli la fauna selvatica nel suo complesso attraverso forte limitazione della caccia, rafforzamento dei controlli e inasprimento delle sanzioni”.

Dal sondaggio realizzato da Emg Different tra il 4 e il 7 febbraio 2022 su un campione di mille persone, emerge che “il sentimento che prevale tra gli italiani sembra essere nettamente contrario a questa attività, specie in considerazione dei suoi aspetti più crudeli e senza controllo. Il 72% del campione ritiene che l’esercizio della caccia generi problemi alla sicurezza dei cittadini e il 57% la ritiene un rischio per la salute delle persone”.

Il 90% degli intervistati si è detto contrario all’uso di richiami vivi per piccoli uccellini e alla caccia consentita per alcune specie in via di estinzione, ma anche all’utilizzo di munizioni contenenti il piombo e alla caccia esercitata durante il fine settimana.

I tre principali problemi della legge analizzati nel report sono la competenza normativa regionale (ogni anno, in media, la Consulta dichiara costituzionalmente illegittime almeno due leggi regionali per violazione dello standard minimo di tutela ambientale), governance e pianificazione (la gestione del territorio e delle risorse porta a una serie di centri di potere gestiti non con la finalità di tutelare l’ambiente ma di ottenere consensi) e prevenzione e repressione delle illegalità (mancano sanzioni efficaci e il supporto necessario per contrastare bracconaggio e caccia da frodo a chi si occupa della vigilanza venatoria).

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.