Leggi impugnate dal governo, salvo l'aeroporto di Birgi. Armao: "Solo rilievi da Bruxelles" :ilSicilia.it
Banner Bibo

le dichiarazioni dell'assessore al bilancio

Leggi impugnate dal governo, salvo l’aeroporto di Birgi. Armao: “Solo rilievi da Bruxelles”

di
4 Ottobre 2019

Salvo l’aeroporto di Birgi. Le leggi della Regione Siciliana impugnate da parte del Consiglio dei ministri su proposta del ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Francesco Boccia non riguardano l’aeroporto trapanese.

In pratica lo stop riguarda norme dei cosiddetti collegati alla finanziaria regionale in materia di personale, stabilizzazioni e nuovi ingressi.

La prima norma impugnata è la numero 15 del 6 agosto scorso, “Collegato alla legge di stabilità regionale per l’anno 2019 in materia di autonomie locali“, in quanto, spiega una nota, “una norma in materia di personale regionale eccede dalle competenze statutarie e si pone in contrasto con i principi di coordinamento della finanza pubblica stabiliti dalla legislazione statale in violazione dell’articolo 117, terzo comma, della Costituzione”.

Impugnata anche la numero 14, sempre del 6 agosto, Collegato alla legge di stabilità regionale per l’anno 2019 in materia di pubblica amministrazione e personale.

Abbiamo già avviato un proficuo colloquio col Governo Conte che purtroppo non si è potuto svolgere preventivamente. Per la costituzione dell’esecutivo nazionale, ma che approfondiremo nelle prossime settimane con l’obiettivo di superare il numero più alto di motivi di ricorso, per il quale abbiamo già raccolto la disponibilità delle strutture ministeriali” . Afferma a ilSicilia.it l’assessore al Bilancio, Gaetano Armao. “La norma di Birgi non è stata impugnata, ma ci hanno preannunciato rilievi da Bruxelles“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin