"Legittima difesa" e sicurezza nelle città: il tour siciliano della Lega :ilSicilia.it

si parte da caltanissetta

“Legittima difesa” e sicurezza nelle città: il tour siciliano della Lega

di
7 Marzo 2019

Sicurezza nelle città, immigrazione e le novità sulla legittima difesa. Sono i tempi caldi al centro della tre-giorni di incontri e dibattiti con i cittadini che la Lega promuove da venerdì 8 marzo a domenica 10 marzo tra Caltanissetta, Gela, Messina e Mazara del Vallo con la partecipazione, tra gli altri, di Igor Gelarda e Fabio Cantarella, responsabili regionali enti locali del partito, e di Gianni Tonelli, segretario della commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere.

Si parte parte venerdì 8 marzo, Festa della Donna, da Caltanissetta. L’appuntamento è alle 17 all’Istituto Testasecca, in viale della Regione 1. Insieme con Gelarda, Cantarella e Tonelli, interverranno Alessandro Pagano, vice capogruppo della Lega alla Camera dei deputati, e il candidato sindaco leghista a Caltanissetta, Oscar Aiello.

Sempre venerdì, la delegazione si sposterà a Gela, dove alle 19 è previsto un incontro nell’ex chiesa di San Giovanni Battista, in via San Damaggio Fischietti 82. A fare gli onori di casa sarà il candidato sindaco leghista di Gela, Giuseppe Spata, con la collaborazione di Totò Sauna, responsabile del circolo cittadino del Carroccio.

Il tour siciliano della Lega arriva 48 ore dopo l’approvazione alla Camera della legge sulla legittima difesa. “Una delle novità più importanti del provvedimento – dice il responsabile regionale enti locali del Carroccio, Igor Gelarda – è il concetto di difesa sempre legittima: nei casi di legittima difesa domiciliare si considera “sempre” sussistente il rapporto di proporzionalità tra la difesa e l’offesa. Si considera, poi, sempre in stato di legittima difesa chi, all’interno del domicilio e nei luoghi ad esso equiparati, respinge l’intrusione da parte di una o più persone posta in essere con violenza o minaccia di uso di armi o di altri mezzi di coazione fisica”.

“Al domicilio è equiparato ogni altro luogo ove venga esercitata un’attività commerciale, professionale o imprenditoriale. Sulle spese di giustizia – aggiunge l’esponente del Carroccio – si estendono le norme sul gratuito patrocinio a favore della persona nei cui confronti sia stata disposta l’archiviazione o il proscioglimento o il non luogo a procedere per fatti commessi in condizioni di legittima difesa o di eccesso colposo. Si tratta di una legge di buon senso che renderà gli italiani più sicuri e tranquilli – conclude Gelarda – mentre ad avere paura saranno i ladri e i balordi”.

Dalla provincia di Caltanissetta, sabato 9 marzo il tour leghista si sposterà a Messina. Alle 16, appuntamento nella chiesa Santa Maria Alemanna, in via Sant’Elia. Gelarda, Cantarella e Tonelli incontreranno i cittadini messinesi affiancati da Giovanni Scaravello, presidente della terza e quarta commissione al Comune, e Nino Beninati, ex deputato regionale. A moderare l’incontro ci saranno Dino Bramanti, capogruppo della Lega in consiglio comunale, e Matteo Francilia, sindaco di Furci Siculo, nonché responsabile provinciale del Carroccio.

La tre-giorni siciliana del Carroccio si concluderà domenica 10 marzo a Mazara del Vallo, dove è stato designato candidato sindaco Giorgio Randazzo. A partire dalle 17, gli esponenti del partito guidato dal vice-premier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, incontreranno i cittadini della provincia trapanese al cine teatro Rivoli, in via Nicolò Tortorici 10.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.