"Legittima difesa" e sicurezza nelle città: il tour siciliano della Lega :ilSicilia.it
Banner Bibo

si parte da caltanissetta

“Legittima difesa” e sicurezza nelle città: il tour siciliano della Lega

di
7 Marzo 2019

Sicurezza nelle città, immigrazione e le novità sulla legittima difesa. Sono i tempi caldi al centro della tre-giorni di incontri e dibattiti con i cittadini che la Lega promuove da venerdì 8 marzo a domenica 10 marzo tra Caltanissetta, Gela, Messina e Mazara del Vallo con la partecipazione, tra gli altri, di Igor Gelarda e Fabio Cantarella, responsabili regionali enti locali del partito, e di Gianni Tonelli, segretario della commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere.

Si parte parte venerdì 8 marzo, Festa della Donna, da Caltanissetta. L’appuntamento è alle 17 all’Istituto Testasecca, in viale della Regione 1. Insieme con Gelarda, Cantarella e Tonelli, interverranno Alessandro Pagano, vice capogruppo della Lega alla Camera dei deputati, e il candidato sindaco leghista a Caltanissetta, Oscar Aiello.

Sempre venerdì, la delegazione si sposterà a Gela, dove alle 19 è previsto un incontro nell’ex chiesa di San Giovanni Battista, in via San Damaggio Fischietti 82. A fare gli onori di casa sarà il candidato sindaco leghista di Gela, Giuseppe Spata, con la collaborazione di Totò Sauna, responsabile del circolo cittadino del Carroccio.

Il tour siciliano della Lega arriva 48 ore dopo l’approvazione alla Camera della legge sulla legittima difesa. “Una delle novità più importanti del provvedimento – dice il responsabile regionale enti locali del Carroccio, Igor Gelarda – è il concetto di difesa sempre legittima: nei casi di legittima difesa domiciliare si considera “sempre” sussistente il rapporto di proporzionalità tra la difesa e l’offesa. Si considera, poi, sempre in stato di legittima difesa chi, all’interno del domicilio e nei luoghi ad esso equiparati, respinge l’intrusione da parte di una o più persone posta in essere con violenza o minaccia di uso di armi o di altri mezzi di coazione fisica”.

“Al domicilio è equiparato ogni altro luogo ove venga esercitata un’attività commerciale, professionale o imprenditoriale. Sulle spese di giustizia – aggiunge l’esponente del Carroccio – si estendono le norme sul gratuito patrocinio a favore della persona nei cui confronti sia stata disposta l’archiviazione o il proscioglimento o il non luogo a procedere per fatti commessi in condizioni di legittima difesa o di eccesso colposo. Si tratta di una legge di buon senso che renderà gli italiani più sicuri e tranquilli – conclude Gelarda – mentre ad avere paura saranno i ladri e i balordi”.

Dalla provincia di Caltanissetta, sabato 9 marzo il tour leghista si sposterà a Messina. Alle 16, appuntamento nella chiesa Santa Maria Alemanna, in via Sant’Elia. Gelarda, Cantarella e Tonelli incontreranno i cittadini messinesi affiancati da Giovanni Scaravello, presidente della terza e quarta commissione al Comune, e Nino Beninati, ex deputato regionale. A moderare l’incontro ci saranno Dino Bramanti, capogruppo della Lega in consiglio comunale, e Matteo Francilia, sindaco di Furci Siculo, nonché responsabile provinciale del Carroccio.

La tre-giorni siciliana del Carroccio si concluderà domenica 10 marzo a Mazara del Vallo, dove è stato designato candidato sindaco Giorgio Randazzo. A partire dalle 17, gli esponenti del partito guidato dal vice-premier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, incontreranno i cittadini della provincia trapanese al cine teatro Rivoli, in via Nicolò Tortorici 10.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco