Lelio Giannetto: incontro, confronto e performance con altri artisti alla Fabbrica 102 :ilSicilia.it
Palermo

Appuntamento il 21 novembre

Lelio Giannetto: incontro, confronto e performance con altri artisti alla Fabbrica 102

19 Novembre 2019

Il contrabbassista di Palermo Lelio Giannetto viene considerato una sorta di ‘Terminator’, capace di resistere a ogni tipo di sollecitazione artistica da qualunque linguaggio possa provenire.

Da un’idea di Valeria Sara Lo Bue, il questa volta Giannetto si incontrerà, si confronterà, ma non si scontrerà, con alcuni personaggi chiave della scena artistica cittadina e, con ognuno di essi, svilupperà un inedito dialogo dove il suono del suo strumento diventerà ora un tappeto volante, ora un carrarmato ad emissione sonica, ora anche un aspiratutto o un cavallo a dondolo o un pendolo risuonante.

Il funambolico Lelio Giannetto incontrerà giovedì 21 novembre alla Fabbrica 102, a partire dalle 21,30, vari ospiti in un intreccio di parole suoni e gesti che non vi lasceranno indifferenti, né indifferenziati. Special guest Gianfranco Perriera. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.