Leonardo DiCaprio nei panni di Joe Petrosino, detective antimafia ucciso a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

Il premio Oscar, divo di Hollywood, produrrà la pellicola

Joe Petrosino, la leggenda continua. Di Caprio vestirà i panni del detective antimafia ucciso a Palermo

di
1 Febbraio 2017

Il premio Oscar Leonardo DiCaprio vestirà i panni di Joe Petrosino, il poliziotto italo-americano ucciso a Palermo dalla mafia il 12 marzo del 1909, mentre attendeva il tram al capolinea di piazza Marina. Lo riferisce il magazine Deadline.

Joe Petrosino

La storia prenderà le mosse dall’adattamento The Black Hand (La Mano Nera), libro di prossima pubblicazione scritto da Stephen Talty. Si tratta di un romanzo ambientato nella New York City di inizio ‘900, dove il detective è impegnato a combattere una serie di crimini inarrestabili. Le sue ricerche lo porteranno fino a Palermo, dove verrà ucciso dalla mafia a colpi di pistola. La pellicola sarà prodotta dallo stesso DiCaprio con la sua Appian Way, mentre verrà distribuita dalla Paramount.

Petrosino fu messo a capo della cosiddetta “Italian Branch”, una squadra di poliziotti impegnata nella lotta contro la “Mano Nera”, un’organizzazione di stampo mafioso votata al racket, con ramificazioni fino in Sicilia.

theblackhandEcco la sinossi ufficiale del libro di Talty: «A partire dall’estate del 1903, un’ondata di criminalità minaccia New York City, e l’intero paese, con la paura. I figli di immigrati italiani sono stati rapiti, e decine di vittime innocenti sono stati uccisi. Bombe esplose su edifici popolari. I giudici, i senatori, i Rockefeller, vennero minacciati di morte. Gli autori sembravano allo stesso tempo presenti e invisibile. Il loro unico biglietto da visita: il simbolo di una mano nera. I crimini spinsero la stampa scandalistica e le tensioni etniche si surriscaldarono fino al punto di ebollizione. Tra gli americani e l’illegalità della Mano Nera si inserì Joe Petrosino. Soprannominato lo “Sherlock Holmes italiano” era un detective notoriamente tenace e geniale, e un maestro del travestimento. I crimini crebbero e le attività della Mano Nera si diffusero ben oltre i confini di New York. Petrosino e la squadra di polizia tutta italiana facevano a gara per catturare i membri dell’organizzazione criminale segreta, prima che le tensioni anti-immigrati esplodessero. La ricerca di Petrosino per sradicare la fonte del potere della “Mano Nera” lo avrebbe portato fino alla Sicilia, ma ad un costo terribile».

Non è la prima volta che la storia del poliziotto ucciso a Palermo viene portata sul grande e piccolo schermo.

joe-petrosino-1972Nel 1972 è stato prodotto uno sceneggiato televisivo in 5 puntate, diretto da Daniele D’Anza e interpretato dall’attore italo brasiliano Adolfo Celi (a quei tempi famosissimo per i suoi ruoli da cattivo nella saga di James Bond 007) nella parte del popolare investigatore, prodotto dalla RAI e intitolato Joe Petrosino. Lo sceneggiato andò in onda da domenica 15 ottobre al 12 novembre 1972. La sceneggiatura è tratta da due romanzi a sfondo biografico. La sigla di chiusura intitolata 4 colpi per Petrosino viene interpretata da Fred Bongusto e pubblicata nel 1972, come retro del singolo La canzone di Frank Sinatra.

Nel 2006 sempre la RAI ha trasmesso una miniserie tv di 2 puntate, con Beppe Fiorello nei panni del poliziotto italo-americano. Tra gli sceneggiatori, il giornalista e scrittore Andrea Purgatori (autore della nota inchiesta sulla Strage di Ustica, per il Corriere della Sera).

fiorello-petrosino

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin