L'epopea dei porti. Delrio smentisce Crocetta, insorge il M5S :ilSicilia.it
Catania

Proseguono le polemiche sulla scelta di Catania anziché Augusta

L’epopea dei porti. Delrio smentisce Crocetta, insorge il M5S

di
31 Gennaio 2017

Proseguono le polemiche sulla scelta di Catania come sede dell’authority unificata delle varie autorità portuali siciliane, a scapito di Augusta, che invece avrebbe tutti i requisiti «core» pretesi dall’Ue. Da un lato quindi, una città metropolitana dal forte peso politico con un porto non eccellente, e dall’altro, un piccolo centro con poco peso politico, ma con un porto molto più moderno per infrastrutture e traffico merci.

“Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, ha firmato nei giorni scorsi il decreto che istituisce a Catania, per un periodo di 2 anni, la sede dell’Autorità di sistema portuale del Mar di Sicilia Orientale, rispetto alla originale previsione di Augusta. La scelta su Catania è stata compiuta in seguito alla richiesta della Regione Siciliana, cui è stata data risposta positiva, specificando che si tratta di sede transitoria per un periodo di non più di due anni”. Con questa nota il ministero smentiva il presidente Crocetta. Aggiungendo persino un link con cui dimostrava come fosse stato proprio Crocetta a chiedere di individuare Catania quale sede della “comunque istituenda” Autorità di sistema portuale.

E oggi le polemiche non si sono arrestate. “Nella scelta di Catania come sede dell’Autorità portuale Crocetta è stato determinante, nonostante abbia dichiarato l’esatto contrario. È un mentitore seriale, non staremo a guardare“. Lo affermano i deputati M5S all’Ars e il sindaco di Augusta, Cettina Di Pietro. “Crocetta – ha aggiunto il primo cittadino di Augusta – ha mentito spudoratamente, il comunicato del ministero delle Infrastrutture ha chiarito ciò che avevo già dichiarato: la Regione Siciliana, con atto firmato dal presidente, indica il porto di Catania come sede dell’Autorità di sistema portuale. Crocetta e chi lo difende e sostiene, hanno dimostrato una volta di più che i giochi politici hanno più valore delle leggi. È arrivato il momento che si faccia da parte, la Sicilia non ha bisogno di incantatori, ma di persone serie che fanno ciò che dicono. La sua firma nel parere inviato al ministero grida vendetta“.

“La sensazione è di un governo regionale che annaspa e che cerca di avere ragioni a tutti i costi anche dopo gli scivoloni della proroga della non più esistente autorità di Trapani, della gaffe sull’autority dello Stretto e ora su quella della Sicilia orientale”. Chiosa il segretario generale della Cgil siciliana, Michele Pagliaro.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin