L'equilibrio precario dei ballerini del Teatro Massimo | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

La protesta

L’equilibrio precario dei ballerini del Teatro Massimo | VIDEO

di
16 Giugno 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Ballerini professionisti ma solo per 9 mesi su 12. Succede al Corpo di Ballo della Fondazione Teatro Massimo di Palermo. Insieme ad altri lavoratori, sono stati esclusi dal progetto di stabilizzazione del personale. Per questa ragione Fials- Palermo, Slc Cgil -Palermo, Fistel – Cisl Palermo e Uilcom- Palermo hanno manifestato oggi il proprio dissenso.

La stabilizzazione del personale delle Fondazioni Lirico Sinfoniche è un obiettivo rincorso da venti anni e ha coinvolto governi di diverso colore politico oltre ovviamente alle principali istituzioni presenti nel territorio. Per i sindacati, i risultati di oggi, arrivati in applicazione di una legge nazionale, sono tuttavia deludenti.

I precari ad oggi sono 40. A essere penalizzati oltre ai ballerini, sono i tecnici e la sartoria. Una soluzione che risulta incomprensibile soprattutto per il Corpo di Ballo, liquidato a una soluzione di tipo part time. Un danno enorme per questi professionisti, veri e propri atleti che non potrebbero restare fermi tre mesi l’anno.

I sindacati, lamentano l‘assenza di un progetto pluriennale di sviluppo e rilancio del teatro palermitano e il mancato rinnovo del contratto integrativo aziendale.

Ma quali sono allora le richieste e le proposte sul tavolo dei sindacati? Per prima cosa un confronto con tutti i soggetti coinvolti nel piano. L’attuale dialogo, spiegano le OO.SS, con la Direzione del Teatro Massimo sembra non andare nella giusta direzione.

I vincoli applicativi indicati dal Ministero e una visione parziale  del Teatro su come determinare il giusto equilibrio tra risorse economiche , produzione artistica, fabbisogno, organico e stabilizzazione del personale, sembrano preludere a  una soluzione insufficiente. Uscire dal precariato insomma, sembra una missione impossibile.

Da questo” incidente”, potrebbe adesso aprirsi un tavolo con la Regione siciliana per dare maggiori garanzie nel triennio e portare a una stabilizzazione vera e corposa.

Eppure, solo qualche giorno fa, il Consiglio di Indirizzo della Fondazione Teatro Massimo col parere positivo del Collegio dei Revisori dei conti, aveva approvato  all’unanimità la proposta di nuova dotazione organica per il triennio 2021-2023 che prevede l’incremento delle posizioni lavorative a tempo indeterminato che crescono di 105 unità.

Il sovrintendente Francesco Giambrone a proposito dei ballerini aveva dichiarato: “Penso in particolare proprio al Corpo di ballo che nella nuova dotazione organica sarà impegnato con contratti a tempo indeterminato per un periodo limitato a 9 mesi l’anno. Questa scelta di stabilità elimina la condizione di fragilità in cui finora il Corpo di ballo ha operato e incrementa la tutela dell’occupazione per un periodo maggiore rispetto all’attuale impiego”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin