L’esclusione di Provenzano è l’esclusione del Mezzogiorno? :ilSicilia.it

FUORI DAL GOVERNO DRAGHI

L’esclusione di Provenzano è l’esclusione del Mezzogiorno?

di
13 Febbraio 2021

Ha destato scalpore in alcuni, stupore, in altri amarezza, l’esclusione dalla compagine ministeriale del nuovo governo guidato da Mario Draghi, di Peppe Provenzano, ministro del Mezzogiorno nel precedente Governo.

Un’esclusione la cui responsabilità ricade interamente sul Partito Democratico e la Direzione nazionale che non voluto valorizzare il lavoro svolto da Provenzano, né l’importanza della questione meridionale e siciliana.

Un’esclusione incomprensibile per molti da parte del Pd giacché Provenzano non solo aveva svolto bene il suo incarico, ma aveva impostato una visione più moderna della questione meridionale e aveva sollecitato le classi dirigenti del Sud ad alzare il livello della progettualità e la qualità nell’azione di governo come condizione dello sviluppo.

Un’esclusione che accentuerà nell’azione del governo lo squilibrio territoriale del Paese, da questo punto di vista aspettiamo le dichiarazioni programmatiche di Draghi, ma a una prima occhiata si nota subito una preponderanza politica del Nord con il centro destra che ha messo in campo persone capaci che certamente non avranno come priorità il Mezzogiorno.

Un’esclusione che conferma la staticità politica del partito democratico, l’opacità dei suoi percorsi democratici interni. Il segretario Zingaretti si è mostrato soddisfatto del modo come si è risolta la crisi di governo e della conferma dei tre ministri, Franceschini, Orlando e soprattutto di Guerini alla Difesa, come se fosse imminente una invasione del nemico. A tal proposito sarebbe interessante sapere come si è pervenuti alla loro riconferma. Nessuna parola su Provenzano, neanche un ringraziamento pubblico per il lavoro svolto, come si usava una volta e nessuna spiegazione sul perché su tre ministri non vi è una donna, non rispettando la parità genere.

Un’esclusione che ha riportato in auge la lottizzazione, sapientemente dosata da Draghi, su cui nessuno si è permesso di fare alcun rilievo, soprattutto da parte del PD sempre pronto a denunciare questa pratica in altre occasioni.

Lottizzazione che non è solo il ricorso al manuale Cencelli, ma ancor di più la regola che io non devo guardare alla scelta dei miei alleati e viceversa, senza alcuna condivisone delle scelte operate da ogni forza politica.

Un’esclusione che richiama all’attenzione lo stato del partito democratico in Sicilia, la formazione della sua classe dirigente.

Un partito che non ha alcun peso a livello nazionale, nessuna voce in capitolo sulle scelte operate. Un partito che dimostra in tal modo che non ha più testa, una guida collettiva e una reale rappresentanza politica.

Un’esclusione, infine, che dà un brutto segnale politico, come a volere da un lato bloccare la crescita di una nuova generazione politica, dall’altro azzerare una storia e una cultura politica che affonda le radici nel riformismo socialista del PCI, non a caso Provenzano è stato uno degli allievi prediletti di Emanuele Macaluso.

L’auspicio è quello che questa risorsa, questa intelligenza, questa competenza possa essere utilizzata in Sicilia e contribuire al rilancio non solo del suo partito ma della sua terra.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?
Banner Telegram

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin