L’età è solamente un numero. Davvero. | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Qualcuno dice che sia solo un luogo comune, ma l’età è, davvero, solamente un numero sui documenti!

L’età è solamente un numero. Davvero.

di
15 Agosto 2021

È una sorta di mantra che ho sentito ripetere più e più volte nella mia vita, e che – a volerla dire tutta – ho sempre ripetuto anche io: l’età è solamente un numero, una data sui documenti, due numeretti che attestano quella che la Legge definisce età anagrafica, che – per fortuna – non coincide quasi mai con l’età che sentiamo davvero dentro!

La vita e le esperienze mi hanno portato a conoscere un sacco di gente, un sacco di persone, e ciò che posso dire è che quasi mai l’età anagrafica di costoro coincide con l’età che dimostrano materialmente. Badate bene: non mi sto riferendo al fisico, all’aspetto esteriore. No: sto parlando di qualcosa di più profondo. Sto parlando dell’età che ognuno di noi sente davvero!

Sto parlando di quell’età capace di smentire e smontare ogni tua certezza: ho conosciuto persone di vent’anni molto più mature di certi quarantenni, ed anziani di ottant’anni molto più attivi di certi ventenni, e tutto questo partendo, proprio, dall’assunto che l’età vera, probabilmente, non è quella che calcoli dal giorno in cui sei nato. No. L’età vera è quella che ti senti addosso, è quella che ti permette di vivere, che ti da la gioia e la spinta di guardare alle tue giornate con occhi sempre diversi, con uno sguardo rinnovato anche quando tutto diventa difficile e sembra voler remare contro!

Certo, paradossalmente c’è chi si sente addosso più anni di quelli che realmente ha per età anagrafica, ma è una bella fonte di speranza il pensiero che, probabilmente, costoro sono una percentuale molto minore rispetto a chi vive la propria vita sentendo molti meno anni di quelli che ha!

È il particolare caso di uno tra i miei più cari amici, un fratello: V. si porta addosso benissimo i suoi quasi 46 anni. Lo conosco da più di un decennio, e la sua peculiarità è sempre stata quella di vivere la propria vita con l’allegria, la gioia e la forza di un ventenne: non si perde mai d’animo, va in giro, ascolta musica dal vivo, va a ballare (anche solo se è il caso), e, in generale, fa cose che molti ventenni non avrebbero la forza neppure di immaginare. Proverbiale il suo aneddoto in cui mi racconta che, una sera, è entrato in un locale per una serata di musica Drum ‘n’ Bass e, poco prima di accedere, un addetto alla vigilanza, vedendolo, ha esclamato: “signore, è consapevole che questa è una serata Drum ‘n’ Bass, vero?”

Ecco. Lo ammiro molto il caro V., e ammetto che, a volte, vorrei avere la sua forza, il suo temperamento e la sua tenacia. A conti fatti, è la riprova vivente di come l’età, davvero, sia solamente un numero: sta a te decidere se vivere la tua vita per eccesso o per difetto rispetto ai tuoi stessi anni!

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin