L'Etna si risveglia e dà spettacolo: Catania trema | VIDEO :ilSicilia.it
Catania

terremoti, eruzione e nube nera

L’Etna si risveglia e dà spettacolo: Catania trema | VIDEO

24 Dicembre 2018

Guarda il video in alto

Una frattura eruttiva si è aperta stamane 24 dicembre sull’Etna alla base del cratere di Sud Est, dove si è verificata un’attività esplosiva. Dal vulcano si è alzata una nube di cenere nera. Sull’Etna i sensori dell’Istituto di Geofisica e Vulcanologia di Catania hanno registrato dopo le 9 uno sciame sismico di 130 scosse, la più forte delle quali ha superato magnitudo 4. In questi casi, l’attività del vulcano viene costantemente monitorata dagli esperti dell’Ingv, l’Istituto di geofisica e vulcanologia.

etnaPer tutta la mattina i passeggeri hanno potuto effettuare il check-in per l’imbarco: dopo le 13, si è svolta una  riunione dell’unità di crisi dello scalo e si è decisa la chiusura dello spazio aereo dell’aeroporto di Catania. A renderlo noto, la Sac, la Società che gestisce Fontanarossa.  I voli in arrivo sono stati dirottati verso altre aerostazioni mentre tutti gli aeromobili in sosta nel piazzale, in condizioni favorevoli al decollo, sono stati fatti partire. Alle 15 è stato poi dato di nuovo il via libera ma con dei limiti: non più di quattro atterraggi l’ora.

Ad ogni modo, prima di mettersi in viaggio per Catania, ai passeggeri in partenza con voli pomeridiani è stato consigliato di verificare lo stato del proprio volo contattando le singole compagnie aeree che, in base alla rotazione degli aeromobili, potrebbero anche cancellare il volo. Eventuali variazioni- comunicate dalle compagnie – sono anche consultabili sul tabellone dei voli pubblicato sul sito dell’aeroporto, sull’app ufficiale e sul bot Telegram, sui profili ufficiali Facebook e Twitter.

etna
Foto FB

Tra le scosse più forti registrate oggi, che hanno generato l’attività del vulcano, la più importante è stata localizzata a 2 km di profondità nella zona di Piano Pernicana sul fianco nord est dell’Etna. La seconda, in quella di Monte Palestra, a nord ovest. “Un’attività – spiegano dall’Istituto di geofisica e vulcanologia – accompagnata da un graduale incremento del degassamento dall’area craterica sommitale che ha di fatto interessato tre delle cinque bocche attive del vulcano”.

“Intorno alle dodici è iniziata anche un’intensa attività stromboliana alla base meridionale del Nuovo Cratere di Sud-Est, attività dovuta ad una fessura eruttiva.”

Intorno alle 17,50 si è verificata un’altra scossa di forte magnitudo  a 6 km da Zafferana Etnea, sempre ad una profondità di due chilometri.

Dopo un’ulteriore riunione dell’unità di crisi, sono stati dirottati tre voli (Palermo, Comiso Malta) e uno cancellato (Lampedusa) tra quelli previsti a Catania. Inevitabili i ritardi sull’operativo e i disagi per passeggeri e accompagnatori.

All’Osservatorio etneo,  in stretto contatto con il Dipartimento della Protezione Civile e con tutte le autorità interessate, il compito di monitorare la situazione.

 

Guarda il video in basso

 

 

 

Leggi anche:

L’eruzione dell’Etna: “Danni enormi all’agricoltura nell’area del vulcano”

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.