Letojanni: maxi-piano da 10,7 milioni per mettere in sicurezza i torrenti :ilSicilia.it
Messina

quattro iter verso l'appalto

Letojanni: maxi-piano da 10,7 milioni per mettere in sicurezza i torrenti

di
26 Aprile 2019

Si stringono i tempi per l’attuazione del piano di interventi che dovrebbe consentire la sistemazione dei torrenti del territorio di Letojanni che in occasione delle piogge rappresentano puntualmente una costante minaccia per la cittadina turistica ionica.

Si punta alla necessaria sistemazione tramite opere di regimentazione idraulica e messa in sicurezza di quattro corsi d’acqua che diventano delle autentiche “bombe ecologiche” ogni qualvolta imperversa il maltempo. L’emergenza riguarda i torrenti Sillemi, Andreana, Leto e Papale.

“L’iter per questi torrenti – ha evidenziato il sindaco Alessandro Costa – si sta avviando verso la gara d’appalto, con la relativa progettazione esecutiva finalizzata a mettere in sicurezza corsi d’acqua che indubbiamente diventano spesso motivo di concreta apprensione per il nostro territorio. Entro fine anno dovrebbero espletate le gare e dovrebbero essere cantierati i relativi interventi”.

Per quanto concerne il Sillemi già dispone di fondi messi a disposizione dalla Protezione Civile e si prospettano opere da 2 milioni 200 mila euro, mentre per l’Andreana si tratterà di lavori da 2 milioni e 700 mila euro, ed a questi si aggiunge il previsto piano di interventi da 3 milioni per il Leto e quello da 2 milioni e 800 mila euro per Papale.

In questa fase l’obiettivo è quello di accelerare i vari iter procedurali che stanno andando avanti presso i competenti uffici della Regione e che dovrebbero arrivare a conclusione da qui a pochi mesi, in modo da poter passare alla fase operativa da tempo attesa a Letojanni per allontanare l’incubo dei torrenti in piena e delle esondazioni che ormai da diversi anni mettono in apprensione l’abitato.

“Stiamo seguendo da vicino la situazione e i vari iter stanno procedendo, avviandosi verso la fase della gara d’appaltoaggiunge Costa -. Abbiamo, ovviamente, evidenziato che riteniamo importante si possa procedere nel modo più rapido possibile”.

Solitamente questa tipologia di interventi si effettua nei mesi di secca, e il rischio all’orizzonte è che anche nel prossimo inverno Letojanni debba essere costretta ad affrontare il periodo delle piogge convivendo con i rischi attuali, con la prospettiva che i lavori possano scattare nel 2020 inoltrato.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.