Letteratura, a Castelbuono la rassegna in memoria di Antonio Castelli :ilSicilia.it
Palermo

A partire dal 6 luglio

Letteratura, a Castelbuono la rassegna in memoria di Antonio Castelli

5 Luglio 2018

L’associazione “Castelli Di Pace”, in collaborazione con il Comune, il Museo Civico e il CentroPolis di Castelbuono, nella ricorrenza del trentennale della scomparsa dello scrittore Antonio Castelli, per onorarne la memoria, valorizzare i contenuti e la tempra della sua opera letteraria, l’impegno in diversi ambiti culturali e civili, organizza, con la sollecita attenzione della signora Loredana Di Pace, vedova Castelli, alcune manifestazioni, con l’intenzione di programmare nella stagione autunnale altri appuntamenti, anche in collaborazione con la biblioteca Comunale, il museo naturalistico Minà Palumbo e la Fondazione Mandralisca di Cefalù, per promuovere la conoscenza e l’opera intellettuale di Antonio Castelli.

La presenza a Castelbuono dello scrittore è rinnovata dalla donazione che la signora Di Pace ha voluto fare al Comune della Casina e della circostante campagna, in contrada Sant’Ippolito, spazio dell’anima in cui nacque e periodicamente soggiornò Antonio Castelli, che proprio in quel luogo ha raccolto “il parlare contadino” e tante espressioni di quella saggezza che traspare dalle sue opere. L’associazione CastelliDi Pace e il CentroPolis, cui il Comune ha affidato la cura e la promozione della donazione, sono impegnati per restituire, diffondere e attualizzare il messaggio dello scrittore.

Venerdì 6 luglio dalle 18, presso il Castello dei Ventimiglia, in collaborazione con il Museo Civico, è in programma il Convegno “Paese come cosmo: vita ed opere di Antonio Castelli”, con relazioni dei professori Giuseppe Saja e Aldo Gerbino, le testimonianze del giornalista Giuseppe Oddo e del dirigente scolastico Tommaso Gambaro, la lettura di testi di Stefania Sperandeo, Anna Maria Guzzio e Giuditta Perriera, l’omaggio musicale di Rosa Maria Macaluso pianista, allieva prodigio della maestra Donatella Sollima, e Fulvio Di Genova, violoncellista, già amico dello scrittore, che ha composto dei brani ispirati ai suoi testi.

Sabato 7 luglio alle 21, presso l’auditorium Centro Sud, in collaborazione con il CentroPolis, è in programma “Luigi che sempre ti penza…”, di e con Gigi Borruso, atto unico ispirato alle lettere di deportati dalla terra, tratte da Entromondo, seconda opera edita di Antonio Castelli.

Nell’ultimo fine settimana di agosto è in programma, presso la Casina e il giardino di Sant’Ippolito, “Passi a piedi passi a memoria“, itinerario letterario su testi selezionati da Giuseppe Saja, a cura di Stefania Sperandeo, Anna Maria Guzzio e Giuditta Perriera, con la partecipazione di gruppi locali di canto popolare.

Nel corso delle manifestazioni l’associazione promuoverà la compartecipazione alle attività per valorizzare la memoria dello scrittore e del patrimonio che la signora Loredana ha donato alla comunità di Castelbuono,anche attraverso un crowdfunding per la coltivazione del giardino.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.