Letteratura, Premio Tomasi di Lampedusa: il vincitore è Carlo Ginzburg :ilSicilia.it

con il saggio dal titolo "Nondimanco"

Letteratura, Premio Tomasi di Lampedusa: il vincitore è Carlo Ginzburg

di
8 Marzo 2019

Carlo Ginzburg con il saggio dal titolo Nondimanco (Adelphi) è il vincitore della sedicesima edizione del Premio letterario internazionale Giuseppe Tomasi di Lampedusa.

A decretarne la vittoria la giuria composta da Gioacchino Lanza Tomasi (presidente), Salvatore Silvano Nigro, Giorgio Ficara, Mercedes Monmany e Salvatore Ferlita.

La cerimonia di premiazione si terrà sabato 3 agosto a Santa Margherita di Belìce. Carlo Ginzburg ha insegnato Storia all’Università di Bologna, alla University of California di Los Angeles, alla Scuola Normale di Pisa. Presso Adelphi ha pubblicato Paura reverenza terrore (2015) e una nuova edizione di Storia notturna (2017).

Figlio di Leone e di Natalia Ginzburg è uno storico che adotta una metodologia d’indagine singolare – spiega il presidente Gioacchino Lanza Tomasi  l’approccio storico di Ginzburg rivela che la verità storica possa esser trasmessa anche da uno studio di personaggi irrilevanti e non soltanto da una ricognizione sulla vita dei protagonisti. È una corrente della ricerca che antepone il dettaglio alla storiografia”.

“Questo tipo di ricerca è stato definito Microstoria. “Nondimanco / Machiavelli, Pascal” – prosegue Lanza Tomasi – non rientra nella microstoria. Rientra invero pienamente nella storia di Lampedusa. L’ultimo capitolo “leggere fra le righe. Noterella su il “Gattopardo” coglie non so quanto consapevolmente nel segno. Lampedusa era ufficialmente uno scettico, nella successione Montaigne, Montesquieu, Le Sage, Voltaire. Ma nell’affaire de Port Royal era decisamente un seguace della badessa di Port Royal Jacqueline Arnault. Il suo vero eroe era Blaise Pascal, l’autore delle “Pensées” e delle “Lettres Provinciales”.

“Quando visitò per la prima volta Palma Montechiaro – aggiunge – trovò nella badessa del Monastero benedettino del SS Rosario, una figura che sovrappose alla Arnault. Le due badesse non erano sovrapponibili. Intellettuale la prima, fanatica ardente la seconda. Ma quando visitò nel 1945 due volte il Convento benedettino, aggiunse un tassello fondamentale al sogno di desiderio che stava scrivendo. Madre Maria Enrichetta Fanara aveva il carisma della vera fede. Si commosse ed invero anche altri visitatori che ho accompagnato al Monastero hanno vissuto un istante di rivelazione”.

Franco Valenti, sindaco di Santa Margherita di Belìce: “Siamo alla sedicesima edizione e da quest’anno il Premio è stato ufficialmente inserito all’interno del calendario regionale delle manifestazioni di grande richiamo turistico. Per la nostra amministrazione una nota d’orgoglio, ciò vuol dire che la letteratura è un veicolo fondamentale per far rinascere non solo Santa Margherita ma un intero comprensorio”.

Gori Sparacino, direttore del Premio, aggiunge: “Siamo lieti di ospitare un personaggio dall’alto valore umano e letterario come Ginzburg. Il Premio, in questi lunghi anni, si è sempre distinto nell’avere individuato e coinvolto scrittori e scrittrici che hanno amato e continuano ad amare Il Gattopardo e il suo autore”.

I vincitori delle precedenti edizioni:

Le varie edizioni del Premio Letterario hanno visto la presenza di Abraham B. Yehoshua, Tahar Ben Jelloun, Claudio Magris, Anita Desai, Edoardo Sanguineti, Amos Oz, Javier Marias, Fleur Jaeggy, Valeria Parrella, Emmanuel Carrère e Fernando Aramburu e i premi Nobel per la letteratura Kazuo Ishiguro, Mario Vargas Llosa e Orhan Pamuk.

Il Premio Letterario Internazionale Giuseppe Tomasi di Lampedusa ha il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.