L'evoluzione di Palermo dal 1935 a oggi. Ricostruita la mappa del "sacco" edilizio [NAVIGA LA MAPPA] :ilSicilia.it
Palermo

L'obiettivo dell'iniziativa è diffondere la cultura degli open data

L’evoluzione di Palermo dal 1935 a oggi. Ricostruita la mappa del “sacco” edilizio [NAVIGA LA MAPPA]

di
13 Aprile 2017

Uno straordinario strumento tecnologico per fare un balzo indietro nel tempo. Un modo per scoprire com’era la città di Palermo prima e dopo il celebre “sacco” edilizio che l’ha trasformata per sempre. Ma non solo: scoprire che il mare prima era molto più vicino, vedere l’evoluzione della Circonvallazione (un tempo solo terra di campagna) e perfino il Canale Passo di Rigano attraversare Villa Sperlinga.

Un viaggio dal 1935, al 1957 al 1987, in una mappa virtuale navigabile, georeferenziata. Il tutto è possibile oggi grazie al contributo di Giovan Battista Vitrano, un dipendente del Comune di Palermo impegnato nell‘Area tecnica della riqualificazione urbana e delle infrastrutture, che ha deciso di sfruttare le sue competenze per fornire gli open data del capoluogo siciliano.

Basta cliccare col cursore del mouse in una zona specifica della città, per vederla dall’alto, in tutti i suoi cambiamenti. Scopri la mappa qui in basso:

Visualizza a schermo intero

 

Si può osservare facilmente il cambiamento della città grazie alla cartografia. Si può notare ad esempio il caso di Villa Trabia: «La via Piersanti Mattarella, già “Via Villa Trabia” si estendeva da via Notarbartolo a poco dopo l’ingresso del CEI (l’istituto Gonzaga)», si legge nella presentazione della mappa. Addirittura anche un corso d’acqua limitrofo a Villa Sperlinga, «il canale Passo di Rigano che costeggia Villa Sperlinga è un colpo d’occhio».

Villa Trabia
Villa Trabia
Villa Sperlinga canale passo di Rigano
Villa Sperlinga e il canale passo di Rigano

Oppure l’evoluzione della zona attorno al Parco Uditore, e il covo di via Bernini dove si nascondeva il super boss Totò Riina e dove oggi ha sede una caserma dei carabinieri…

Mappa covo Riina Via Bernini
L’evoluzione di via Bernini e il covo di Totò Riina

Anche i confini geografici naturali sono cambiati. Il mare, ad esempio, era molto più “vicino”: «Era subito dopo Porta Felice e probabilmente se ne sentiva molto più forte la presenza».

Villa Trabia

Un ringraziamento per la mappa arriva anche dal capo area infrastrutture, Mario Li Castri, che su Facebook scrive: «Straordinario strumento. Bravo Ciro Spataro». Quest’ultimo, infatti, ha aiutato Vitrano nella realizzazione della mappa. «Vi ringrazio – scrive Spataro – ma per correttezza i ringraziamenti vanno diretti a Giovan Battista Vitrano che ha lavorato sodo nella realizzazione del prodotto finale. Io sono stato solo una rotella di un ingranaggio. Si tratta di un lavoro a più teste. C’è Andrea Borruso (Palermo), Maurizio Napolitano (Trento), Francesco Paolicelli (Lecce). Sono contento di avere contribuito a creare qualcosa di utile per la mia città. E ora godetevelo».

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.