L'ex ministro Cardinale si guarda attorno fra Pd e "tentazioni" centriste :ilSicilia.it

Le scelte dei partiti

L’ex ministro Cardinale si guarda attorno fra Pd e “tentazioni” centriste

di
9 Novembre 2017

Sicilia Futura rimarrà nel centrosinistra, non sente alcuna sirena che proviene dalle parti del centrodestra e anzi con il suo leader Salvatore Cardinale rilancia con convinzione: «Io sono stato uno dei fondatori del Pd, credo non vada dimenticato. Le elezioni regionali erano un traguardo che ci eravamo dati a cui arrivare con il nostro simbolo. Oggi la questione che ci poniamo è se rimanere un movimento autonomo o piuttosto confluire dentro il Partito Democratico, diventandone una componente attiva».

L’ex ministro fa una breve analisi del voto «Il risultato di Sicilia Futura è sotto gli occhi di tutti. Nelle sette province in cui siamo stati presenti abbiamo conseguito mediamente l’8%, la media complessiva è del 6%. A Ragusa Nello Dipasquale che ci aveva aiutato a costruire nel territorio Sicilia Futura ha scelto poi il Pd. A Siracusa metà della lista che stavamo predisponendo si è trasferita nell’Udc».

Cardinale evidenzia la mobilità crescente  degli elettori: «Il risultato che dà ragione al centrodestra non può essere considerato indicativo per il dopo. La mobilità estemporanea di molti candidati verso il centrodestra è stata ritenuta l’unico argine possibile  al ‘grillismo’».

Non c’è, a suo avviso comunque un quadro stabilizzato e una tendenza diffusa, al di là dell’affermazione venuta fuori nella scelta dei siciliani tra voto ‘strutturato’ e voto anti-sistema: «Il centro è largamente maggioritario in Sicilia anche se il presidente della Regione proviene dalla Destra, ed è persona di cui ho un grande rispetto. Un terzo degli elettori ha votato per Grillo, tre quarti dell’elettorato siciliano o non va a votare o si è espresso in aperto dissenso al sistema politico».

Lo scenario quindi rimarrebbe fluido ed i tempi della durata del consenso si accorcerebbero notevolmente: «Tutto è molto liquido, il cambio di passo è già successo qualche mese fa in occasione della vittoria di Orlando a Palermo nelle ultime amministrative».

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.