L'ex ministro Mannino a "Bar Sicilia": "5 Stelle e Lega forze del risentimento" | VIDEO :ilSicilia.it

La rubrica della domenica

L’ex ministro Mannino a “Bar Sicilia”: “5 Stelle e Lega forze del risentimento” | VIDEO

di
2 Dicembre 2018

Guarda in alto il video della trentanovesima puntata

La puntata di oggi, domenica 2 dicembre, di “Bar Sicilia“- la rubrica della domenica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione– ha per ospite Calogero Mannino, più volte ministro della Repubblica sotto i governi Fanfani, Andreotti, De Mita, Spadolini, Goria.

Mannino, esponente storico della Democrazia Cristiana, è stato ministro della Marina Mercantile, dell’Agricoltura e Foreste, dei Trasporti, del Mezzogiorno, oltre ad aver ricoperto per diverse legislature il ruolo di deputato nazionale e senatore della Repubblica. Sulla sua eredità politica, sottolinea come i cosiddetti “manniniani” o “Mannino boys”, catapultati sulla scena politico-amministrativa dal 1992 non abbiano avuto il tempo di maturare, di assimilare l’esperienza della Dc, essendo stati chiamati a ricoprire ruoli di responsabilità impegnativi ma senza averne esperienza, al contrario di come avveniva nella politica del passato, quando la crescita era progressiva e la politica era anche una palestra di vita. “Inoltre – aggiunge Mannino – questi amici vanno giustificati perchè hanno fatto politica in un tempo in cui non c’era più la Democrazia Cristiana, ma c’erano altre formazioni che avevano preso il posto dei partiti del passato”. 

Citando un recente libro di Filippo Ceccarelli, a proposito della politica attuale spiega “Abbiamo avuto nella storia di Italia giganti come De Gasperi e adesso ci accontentiamo di ciò che passa il convento. Noi oggi abbiamo un sistema politico che si è imperniato su due forze, sono due forze del risentimento. Cinquestelle e la Lega sono due forze che nascono sotto questa spinta motrice, nonostante interpretino l’esigenza di un cambiamento generazionale. Se 5 Stelle e Lega non capiscono che oggi essere Italiani significa essere europei, faranno la scelta più sbagliata, perchè non c’è avvenire per un Paese come il nostro fuori dall’Europa. Secondo me, così facendo, stanno dimostrando di non essere all’altezza del loro compito”. 

Infine, Mannino interviene, non senza critiche, sul governo palermitano di Leoluca Orlando e su un anno di governo regionale targato Nello Musumeci.

Buona visione con la trentanovesima puntata di Bar Sicilia in alto

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin