L'ex ministro Mannino a "Bar Sicilia": "5 Stelle e Lega forze del risentimento" | VIDEO :ilSicilia.it

La rubrica della domenica

L’ex ministro Mannino a “Bar Sicilia”: “5 Stelle e Lega forze del risentimento” | VIDEO

di
2 Dicembre 2018

Guarda in alto il video della trentanovesima puntata

La puntata di oggi, domenica 2 dicembre, di “Bar Sicilia“- la rubrica della domenica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione– ha per ospite Calogero Mannino, più volte ministro della Repubblica sotto i governi Fanfani, Andreotti, De Mita, Spadolini, Goria.

Mannino, esponente storico della Democrazia Cristiana, è stato ministro della Marina Mercantile, dell’Agricoltura e Foreste, dei Trasporti, del Mezzogiorno, oltre ad aver ricoperto per diverse legislature il ruolo di deputato nazionale e senatore della Repubblica. Sulla sua eredità politica, sottolinea come i cosiddetti “manniniani” o “Mannino boys”, catapultati sulla scena politico-amministrativa dal 1992 non abbiano avuto il tempo di maturare, di assimilare l’esperienza della Dc, essendo stati chiamati a ricoprire ruoli di responsabilità impegnativi ma senza averne esperienza, al contrario di come avveniva nella politica del passato, quando la crescita era progressiva e la politica era anche una palestra di vita. “Inoltre – aggiunge Mannino – questi amici vanno giustificati perchè hanno fatto politica in un tempo in cui non c’era più la Democrazia Cristiana, ma c’erano altre formazioni che avevano preso il posto dei partiti del passato”. 

Citando un recente libro di Filippo Ceccarelli, a proposito della politica attuale spiega “Abbiamo avuto nella storia di Italia giganti come De Gasperi e adesso ci accontentiamo di ciò che passa il convento. Noi oggi abbiamo un sistema politico che si è imperniato su due forze, sono due forze del risentimento. Cinquestelle e la Lega sono due forze che nascono sotto questa spinta motrice, nonostante interpretino l’esigenza di un cambiamento generazionale. Se 5 Stelle e Lega non capiscono che oggi essere Italiani significa essere europei, faranno la scelta più sbagliata, perchè non c’è avvenire per un Paese come il nostro fuori dall’Europa. Secondo me, così facendo, stanno dimostrando di non essere all’altezza del loro compito”. 

Infine, Mannino interviene, non senza critiche, sul governo palermitano di Leoluca Orlando e su un anno di governo regionale targato Nello Musumeci.

Buona visione con la trentanovesima puntata di Bar Sicilia in alto

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin