L'ex pm Ingroia plaude al nuovo governo e chiede interventi contro mafia e corruzione | ilSicilia.it :ilSicilia.it

L'ex pm analizza l'esecutivo appena nato

L’ex pm Ingroia plaude al nuovo governo e chiede interventi contro mafia e corruzione

4 Giugno 2018

“Il governo Conte sarà davvero il governo del cambiamento? Da cittadini non possiamo che augurarcelo, e non possiamo non dare un certo credito d’avvio al nuovo governo”.

Lo scrive in un suo articolo Antonio Ingroia, fondatore di Lista del Popolo per la Costituzione e direttore del giornale online Giustizia.

“Di fronte al rischio che nascesse l’ennesimo “governo tecnico” del Presidente, presieduto da Carlo Cottarelli, il governo Conte è manna dal cielo. Va considerato migliore di qualsiasi “governo tecnico” e di qualsiasi “governo del Presidente”, che sarebbero stati all’insegna del commissariamento italiano da parte delle Istituzioni Europee, sul modello del tremendo Governo Monti. Bene anche i Ministri, complessivamente abbastanza nuovi, tranne qualcuno, e tutti abbastanza fuori dal coro. Il Governo non può essere promosso o bocciato prima ancora di essere esaminato. Va quindi messo alla prova e verificato nei singoli passi che farà”.

“In materia di Giustizia – aggiunge l’ex pm – le cose che andrebbero fatte con urgenza sono soprattutto due: in primo luogo, intervenire contro mafia e corruzione; e la seconda cosa da fare subito è una complessiva riforma della giustizia che accorci i tempi ancora oggi insostenibili dei processi, penali e civili”.

“Sul piano politico – prosegue ancora Ingroia – il dato più importante è che il M5S per la prima volta va a governare e per farlo è stato costretto ad infrangere il tabù ‘alleanze mai con nessuno’, accordandosi con la Lega. Vedremo cosa ne verrà fuori. L’augurio è che, infranto il tabù, i leader e la base del Movimento capiscano che per governare processi di cambiamento occorrono alleanze, e soprattutto alleanze strategiche con movimenti politici e mondi ‘affini’. Quando il M5S capirà che per “cambiare l’Italia” occorre fare alleanze strategiche ‘pre’ e non ‘post’ elettorali, così creando le premesse per costruire un vero Polo del Cambiamento, ci avvieremo davvero verso una rivoluzione copernicana del sistema politico italiano”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.