Liberazione Brusca: sicuri che Falcone sarebbe stato d'accordo? :ilSicilia.it
Banner Bibo

La scarcerazione

Liberazione Brusca: sicuri che Falcone sarebbe stato d’accordo?

di
3 Giugno 2021

Dopo venticinque anni, solo adesso l’opinione pubblica e parti dello Stato si sono ricordati che Brusca sarebbe uscito dal carcere malgrado colpevole di omicidi inimmaginabili.

Leggo di una certa rassegnazione in molti post sui Social che ricordano che questa legge sui collaboratori di giustizia voluta anche da Giovanni Falcone.

Ricordo che andavo al maxi processo per assistere all’interrogatorio di Tommaso Buscetta, per l’epoca un grande fatto dove il muro dell’omertà mafiosa apriva uno spiraglio.
Un momento storico dove l’opinione pubblica tifava per “Masino” perché parlava di segreti più o meno “raccontabili” che facevano condannare altri mafiosi. Non ha mai tirato in campo i famosi “colletti bianchi” perché a detta di Buscetta, sarebbe crollato il sistema e la sua vita e quella  dello stesso Giovanni Falcone non sarebbe state più al sicuro.

La legge sui collaboratori di giustizia, guardava a quel tipo di “pentito”, che raccontava di fatti e misfatti di cosa nostra prima delle stragi di Falcone e Borsellino.
Ma siamo sicuri che Giovanni Falcone avrebbe accettato questa legge sui collaboratori anche su chi ha sciolto nell’acido il piccolo Di Matteo e schiacciato il pulsante che avrebbe fermato la sua corsa?

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin