"Liberi e Uguali", l’ennesima delusione della sinistra scissionista alle elezioni :ilSicilia.it

In Sicilia a rischio anche i seggi dati per sicuri

“Liberi e Uguali”, l’ennesima delusione della sinistra scissionista alle elezioni

di
5 Marzo 2018

“Cronaca di una morte annunciata” si potrebbe commentare il risultato ottenuto da Liberi e Uguali, rispolverando il titolo del celebre romanzo di Gabriel Garcia Marquez, in considerazione del fatto che da nessuna scissione ha preso vita un partito capace ottenere un buon risultato elettorale e rappresentare con forza il popolo della sinistra. E’ questa la dura legge di ferro delle scissioni.

Alla fine sono stati “i pochi” e non “i molti” a credere nel progetto portato avanti principalmente dai dissidenti del Pd. Il malcontento galoppante nella società contro un Partito democratico accusato di essere poco progressista non si è incanalato verso la costruzione di una forza più marcatamente di sinistra. Nè l’immagine forte di un uomo delle istituzioni come Pietro Grasso ha contribuito a fare meglio rispetto ai tentativi fatti in passato.

Il partito dell’ex magistrato siciliano è riuscito solo per un soffio a superare la soglia di sbarramento del 3% e dovrebbe prendere qualche rappresentante. A questo punto se i risultati su base regionale confermeranno il trend elettorale, in Sicilia rischiano di non scattare neanche i seggi dati per sicuri. Un risultato che conferma quello ottenuto qualche mese prima, alle regionali di novembre dalla sinistra siciliana. Anch’essa ha superato sul filo di lana lo sbarramento eleggendo un solo deputato, il candidato presidente Claudio Fava.

Davvero troppo poco per un soggetto politico che ambisce (o ambiva) a ben altro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.