Libia, Papatheu: "Appello a Mattarella per liberare i pescatori siciliani" :ilSicilia.it
Trapani

sono passati tre mesi

Libia, Papatheu: “Appello a Mattarella per liberare i pescatori siciliani”

di
1 Dicembre 2020

“Sono passati tre mesi da quando 18 pescatori di Mazara del Vallo sono stati sequestrati in Libia e in tutto questo tempo il ministro degli Esteri, Di Maio, ha fatto tante promesse, ma ha ottenuto ben poco: una singola telefonata tra i pescatori e i loro familiari. Per questo abbiamo inviato una lettera al presidente della Repubblica, sottoscritta anche dai miei colleghi parlamentari di Forza Italia, chiedendogli di intercedere e fare un richiamo affinché si possa risolvere al più presto questa drammatica situazione e si possa consentire ai pescatori di tornare a casa e riabbracciare le loro famiglie”.

Lo ha dichiarato la senatrice di Forza Italia, Urania Papatheu, che ha lanciato un appello al Capo dello Stato, Sergio Mattarella, affinché possa intercedere in prima persona per la liberazione dei 18 pescatori di Mazara del Vallo tenuti in ostaggio in Libia dal 1 settembre scorso.

E per questa battaglia in favore dei marittimi si è tenuta oggi pomeriggio davanti alla sede del Ministero degli Affari Esteri una protesta degli esponenti di Forza Italia.

“Anche oggi abbiamo partecipato ad un sit-in organizzato dai giovani di Forza Italia davanti la Farnesina per protestare e far sentire la nostra voce e l’indignazione di tutti gli italiani che chiedono il rilascio dei pescatori. Al momento ogni azione messa in atto dall’esecutivo è parsa insufficiente e lacunosa, ma siamo certi che un intervento del presidente Mattarella potrà essere determinante per la liberazione e il rientro in Patria dei nostri connazionali, ingiustamente detenuti ormai da troppo tempo”. 

 

 

LEGGI ANCHE:

Pescherecci sequestrati in Libia, Micciché: “Siamo preoccupati”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin