Libia: regalata dall'Italia la motovedetta che ha sparato ai nostri pescherecci :ilSicilia.it
Trapani

IL PARADOSSO

Libia: regalata dall’Italia la motovedetta che ha sparato ai nostri pescherecci

di
7 Maggio 2021

Ad aprire ieri il fuoco sui pescatori siciliani sarebbe stata la “Ubari 660”, una delle motovedette donate dall’Italia alla Libia nel 2018 per catturare e deportare i migranti.

Un paradosso incredibile, che a portato al ferimento di Giuseppe Giacalone, comandante del peschereccio Aliseo di Mazara del Vallo.

In pratica, un mezzo italiano sarebbe stato usate contro gli italiani, in quel tratto di mare Mediterraneo, a rischio per la “guerra del pesce”.

La Ubari 660 era una motovedetta della Guardia di Finanza italiana che nel 2018 (quando erano ministri Minniti e Salvini) era stata donata alla Libia per il controllo dei migranti, in base agli accordi Italia-Libia. In realtà ieri avrebbe sparato ai tre pescherecci italiani Artemide, Aliseo e Nuovo Cosimo.

Anche nel tweet della nostra Marina militare si riconosce la motovedetta libica: è la Ubari 660.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin