Libri: a Palermo la presentazione de "La clinica delle immagini" di Ferdinando Testa :ilSicilia.it
Palermo

tra sogno e psicopatologia

Libri: a Palermo la presentazione de “La clinica delle immagini” di Ferdinando Testa

17 Gennaio 2020

Il sogno inteso come luogo della relazione intrapsichica del paziente con il mondo delle sue parti, termometro della relazione e spazio d’apertura alla dimensione archetipica; c’è tutto questo, in sintesi, nel libro “La clinica delle immagini“, ultima pubblicazione di Ferdinando Testa, psicoterapeuta e psicologo analista didatta del CIPA (Centro Italiano Psicologia Analitica) Meridionale.

Ferdinando Testa

Il libro, edito da Moretti & Vitali, verrà presentato a Palermo venerdì 17 gennaio, ore 17,30, al Bistrò del Teatro Massimo, alla presenza dell’autore e con gli interventi di Pasqualino Ancona, Franco La Rosa e Maurizio Nicolosi; modererà l’incontro Francesca Picone.

Questo volume nasce dal desiderio di avvicinare e conoscere il mondo della Psiche, dall’incontro con la sofferenza dei pazienti e dal senso che ogni disagio psicologico comporta, ma anche dai germogli di vita nati e cresciuti durante gli incontri e i dialoghi con chi soffre, consapevole che ogni sofferenza racchiude una perla di arricchimento…” si legge nella seconda di copertina.

Il libro si snoda, come un gomitolo di lana, intorno all’idea junghiana che la Psiche sia densa di immagini; si arricchisce del pensiero di Hillman e di altri autori tra cui Bachelard, Eliade e Durand che contribuiscono a dare respiro alla funzione dell’immaginazione, recuperando la sua valenza filosofica, religiosa, antropologica.

Tutto ciò come una sorta di Mandala – come viene riportato nella seconda di copertina – il cui centro, rappresentato dal pensiero di Jung, dal suo lavoro clinico, dalle sue esperienze e dai sui studi, è affiancato dalla conoscenza d’altri autori come Yoram Kaufmann, López-Pedraza e Nathan Schwartz-Salant e da diversi autori junghiani che si sono occupati dell’applicabilità della psicoterapia junghiana.

Il dialogo tra le diverse componenti del pensiero junghiano (archetipica, evolutiva e relazionale) trova nel sogno il luogo di sintesi dove fenomenicamente è possibile rintracciare l’unità del pensiero junghiano nelle sue diverse molteplicità.

Ferdinando Testa, ha svolto per molti anni attività di cura, ricerca e formazione nel lavoro clinico-riabilitativo di pazienti con grave disagio psichico.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona