Libri, Giovanni Cupidi e Veronica Femminino presentano "Noi siamo immortali" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

In libreria dal 18 settembre

Libri: Giovanni Cupidi e Veronica Femminino presentano “Noi siamo immortali” | VIDEO

di
21 Settembre 2018

Guarda il video in alto

Per la presentazione ufficiale del libro “Noi siamo immortali” (Mondadori Electa), uscito nelle librerie il 18 settembre, gli autori Giovanni Cupidi e Veronica Femminino hanno scelto Palermo.

L’incontro, organizzato dalla libreria Flaccovio Mondadori Store, si è svolto nella sala del cinema De Seta, al Centro sperimentale di Cinematografia ai Cantieri della Zisa; sul palco insieme agli autori anche gli amici di Cupidi Salvo Ficarra, Valentino Picone e Corrado Fortuna.

Cupidi Femminino Noi siamo immortali

Ognuno ha la propria storia, che è unica, e questo è il bello. Non racconto la mia perché è più speciale di quella degli altri ma proprio perché è diversa. Adoro il concetto di diversità, che include l’unicità di ognuno e di ogni cosa“.

Si legge così nella sinossi del libro, “gentile e feroce” come lo ha definito Fortuna, nato da incontri casuali e da volontà condivise con la giornalista Veronica Femminino, che ha raccolto i racconti di Giovanni.

Noi siamo Immortali è un omaggio alla vita, alla forza di volontà e all’orgoglio. Perché la storia di Giovanni è la storia di tanti che non hanno voglia di nascondersi e pretendono di mostrarsi per quello che sono: esseri unici e irripetibili.

Cupidi ha maturato questa consapevolezza soprattutto da quando, all’età di tredici anni, è diventato tetraplegico. Da quel giorno tutto è cambiato, tutto è diventato più difficile e di colpo la vita si è trasformata in una sfida continua.

cupidi

Giovanni è andato avanti e ha affrontato la sua difficile situazione con coraggio, forza e determinazione: ha studiato, lavorato e viaggiato, e sulla sua sedia a rotelle ha raggiunto traguardi ai quali nessuno pensava potesse approdare nella sua condizione.

Nel libro, che accoglie la prefazione di Jovanotti (Giovanni lo ha conosciuto partecipando all’omonimo film realizzato dal cantante) senza pietismi o autocommiserazione, si racconta il prima e il dopo, la spensieratezza dell’infanzia, il rapporto con i genitori e gli amici, fino alla malattia e alla rinascita.

L’autore ci parla anche della sua battaglia per i diritti dei disabili, del suo ruolo di attivista e dell’impegno costante profuso per dare voce a chi troppo spesso viene dimenticato dalle istituzioni. E poi, non ultimi, gli obiettivi raggiunti, i desideri, i sogni e le ambizioni verso cui tendere da una carrozzina elettronica, che da impedimento può diventare un mezzo per “muovere” il mondo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin