Libri, "Il Macellaio" di Sándor Márai | RECENSIONE :ilSicilia.it

Una narrazione che ha del thriller, del noir

Libri, “Il Macellaio” di Sándor Márai | RECENSIONE

di
29 Aprile 2019

È la narrazione che fa di “chi scrive” uno scrittore, ovvero, un grande scrittore, e non sono certo le storie raccontate, sempre secondarie rispetto al fluido narrativo composto dal linguaggio, dalla scrittura, dalla struttura, dallo stile, dalla musicalità, dall’armonia, dal ritmo, dalla cadenza della successione delle parole che riescono – o non riescono affatto! – a catturare (talvolta a imprigionare) l’attenzione e la curiosità del lettore.

E non c’è ombra di dubbio che Sándor Márai appartiene alla categoria dei “grandi scrittori” della letteratura occidentale del Novecento.

Ungherese naturalizzato americano, proprio come Joseph Pulitzer qualche decennio prima di lui, Márai riesce con apparente facilità a narrare di fatti orrendi e terrificanti, con una leggerezza che si trasforma improvvisamente in un fendete di violenta umanità, di naturale esplosione di pulsioni ed agiti non dominati dalla ragione, o se vogliamo, dall’etica e dalla moralità laica o religiosa che sono quelle componenti che apprendiamo con l’educazione e la cultura e che distinguono l’uomo dalla bestia: elementi questi – l’etica e la morale trasmessi di padre in figlio con l’educazione e la cultura – oggi più che mai contemporanei ed attuali! Una narrazione che ha del thriller, del noir, del quale il lettore si accorge quando l’evento è già stato letto e metabolizzato: è questa qualità appartiene ai grandi talenti della letteratura.

libro Il macellaioMárai sa bene innestare diversi elementi di riflessione su come un essere umano possa modificare la propria natura esistenziale costretta ad adattarsi al contesto nel quale sta vivendo, oppure, a concepire una dimensione di socialità ritenuta “democratica” malgrado la maggioranza di noi occidentalizzati oggi potremmo pensarla in modo diametralmente opposto a quella di Otto, il protagonista della storia che vive una guerra dura e crudele: «Erano in tanti, e tutti uguali, e quali fossero stati in precedenza gli scopi per cui erano vissuti quei corpi che marciavano con le loro giubbe grigie adesso non se lo chiedeva più nessuno; e questo livellamento dei destini, che forse molti potevano avvertire come degradante per la propria dignità umana, lui lo percepiva come una manifestazione di assoluta e pacificante democrazia, di entusiasmante perequazione, e quando volgeva lo sguardo verso l’avvocato ebreo accanto al quale giaceva da qualche settimana nella famiglia della trincea non riusciva a nascondere un sorriso soddisfatto e un po’ orgoglioso: là, sottoterra, erano tutti delle talpe; qualcuno provava ancora a portare il pince-nez o a leggere libri, ma la sera erano tutti intenti a spidocchiarsi».

“Il Macellaio” è il racconto d’esordio di Márai, pubblicato nel 1924, che narra di Otto, un ragazzino tedesco figlio di un’umile famiglia di sellai, che dopo aver assistito in compagnia del nonno alla macellazione di una vacca, scopre di possedere il talento per l’arte di uccidere animali e di voler fare il mestiere del macellaio… ma iniziato questo nuovo lavoro nella grande e caotica Berlino, l’imminente Prima Guerra Mondiale lo costringerà a mettersi alla prova con altre forme di sopravvivenza e di uccisioni che non sono più quelle di animali per sfamare uomini. Il finale è da scoprire come avviene in un ottimo giallo noir. L’autore è certamente da leggere perché brillante e perché possiede il grande talento dell’arte dello scrivere.

Link:

https://www.adelphi.it/catalogo/autore/701

https://www.adelphi.it/libro/9788845933660

Sándor Márai, “Il Macellaio”, Adelphi Ed., 2019, Milano.

Andrea Giostra

https://andreagiostrafilm.blogspot.it

https://business.facebook.com/AndreaGiostraFilm/

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.