Libri: "L'altra faccia del dolore", messaggio di legalità e speranza :ilSicilia.it
Palermo

ieri a Palazzo Branciforte

Libri: “L’altra faccia del dolore”, messaggio di legalità e speranza

di
27 Settembre 2019

Una bellissima storia quella di Elena Battaglia Giorgianni raccontata ieri a Palazzo Branciforte (PA) in un evento organizzato e fortemente voluto dal Presidente Onorario della Fondazione Caponnetto Giuseppe Antoci in collaborazione con l’Università degli Studi di Palermo e la Fineco Banca.

Dopo i saluti del Prefetto di Palermo Antonella De Miro, del Rettore Fabrizio Micari e del Group Manager di Fineco Fausto Pellegrino, si è dato il via ad una serata emozionante e piena di messaggi valoriali che hanno visto la partecipazione commossa del pubblico intervenuto.

Il dibattito moderato dal Prof. Vincenzo Antonelli, dell’Università Cattolica Sacro Cuore, ha visto coinvolti il Prof. Salvatore Corrao, Direttore UOC medicina interna del Civico e docente dell’Università di Palermo, Gloria Giorgianni, produttrice televisiva e figlia di Elena Battaglia e Giuseppe Antoci, Presidente Onorario della Fondazione Caponnetto e promotore della serata.

Tante le autorità presenti fra le quali il Presidente della Corte dei Conti Guido Carlino, il Questore di Palermo Renato Cortese, il Comandate della Legione Carabinieri Sicilia Generale Giovanni Cataldo, i Comandati Provinciali di Carabinieri e Guardia di Finanza ma anche tante altre autorità che con attenzione e commozione hanno partecipato all’evento.

Elena Battaglia Giorgianni, nata a Palermo il 13/6/1948 e morta a Palermo il 25/09/2010, era una storica commerciante e proprietaria del negozio di abbigliamento “Battaglia Esquire Fashion” in via Ruggero Settimo (venduto qualche anno prima della sua morte). Situato nel salotto della città, è stato uno dei negozi più frequentati di Palermo. Aperto dal padre di Elena, Amedeo Battaglia e dal fratello Enzo nel 1938 ha resistito fino al 2007 avendo sempre una conduzione.

La Camera di Commercio ha inserito questo negozio tra i negozi storici della città di Palermo.

Nonostante il suo fosse un negozio di gran moda, che vestiva la classe dirigente e la borghesia palermitana, Elena Battaglia non ha mai dimenticato i più deboli; era anche infatti la Presidente e la mediatrice familiare del consultorio “La Casa”, associazione che si occupa di servizi sociale, all’interno della quale per anni Elena Battaglia ha svolto con abnegazione attività di volontariato aiutando spesso persone in difficoltà.

Tra le sue passioni, lo studio, la musica classica, la pittura.

I suoi ultimi pensieri sono proprio raccolti nel piccolo libro “L’altra faccia del dolore” (che la cognata Elvira Giorgianni Sellerio – sorella maggiore di Vittorio Giorgianni – ha voluto fortemente pubblicare) realizzato da lei iniziando a scrivere direttamente e poi dettando parola per parola nonostante la malattia le spezzasse il respiro sempre più di frequente, nonostante la fatica e la stanchezza del corpo ogni giorno diventassero più difficili da combattere.

“Abbiamo voluto raccontare la storia di una donna coraggiosa – dichiara Giuseppe Antoci Presidente Onorario della Fondazione Caponnetto – legalità significa anche portare a conoscenza degli altri storie valoriali che lanciano messaggi a chi soffre a causa di malattie incurabili e che ci portano a riflettere sulla problematica del fine vita e di come, a volte, il dolore, come ci insegna la storia di Elena, possa diventare mezzo di speranza”.

Giuseppe AntociToccante l’intervento di Gloria Giorgianni la figlia di Elena. Gloria, che ha dedicato a sua madre il nome e la mission della sua importante azienda di produzione televisiva, ha trasferito al pubblico presente anche l’esperienza del loro vissuto “quando si impatta con questa malattia – dice – si prova tanta solitudine e le famiglie dei malati di SLA si trovano a volte a combattere da soli”.

Una bella serata che ha dato lo spunto per riflettere sul valore della vita ma anche sul valore della morte perché nella serata a Palazzo Branciforte quella farfalla, disegnata da Elena e riportata nella copertina del libro, ha battuto così tanto le ali da far soffiare nei cuori di tutti un vento di amore, di passione ma soprattutto di vita, sì proprio di vita e nonostante la morte.

“Nel libro – continua Antoci – Elena scrive: “Vorrei lasciar scritte queste riflessioni per chi sta soffrendo come me e cerca di trovare la forza di affrontare il dolore; vorrei dire loro che c’è un’occasione di bellezza, di novità, di vita anche in queste condizioni esistenziali.” “Ci sembra questo il modo migliore per incorniciare la serata e ringraziare Elena Battaglia per il suo coraggio” – conclude Antoci.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.