15 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 06.56
Palermo

madre del celeberrimo Federico II

Libri, Pasquale Hamel delinea una Costanza d’Altavilla “eretica” | Video intervista

1 Febbraio 2019

Guarda la video intervista in alto

Da vent’anni circa Pasquale Hamel, direttore del Museo del Risorgimento di Palermo, storico e scrittore, indaga fatti e personaggi relativi al periodo del Medioevo, mettendo in luce aspetti salienti per la comprensione di un’epoca, sottovalutata, e dei protagonisti ad essa ricondotti.

Hamel Costanza d'Altavilla

Ultima fatica, in ordine di tempo, in tal senso è il libro “Costanza d’Altavilla – Biografia eretica di un’imperatrice“, uscito in tutta Italia lo scorso novembre.

In questa occasione, come ci dice il professore Hamel nella video intervista, il fulcro dell’approfondimento sta tutto nella parola “eretica” che, per la prima volta, getta luce, con testimonianze plausibili, su nuovi aspetti della vita della regina di Sicilia.

Costanza d’Altavilla, imperatrice del Sacro romano impero, personaggio fascinoso esaltato anche dalla letteratura, deve molta della sua fama al figlio, Federico II, protagonista nel duecento delle lunghe e sanguinose lotte fra impero e papato.

Hamel Costanza d'Altavilla

Tante le versioni e gli aneddoti legati alla storia di Costanza, tra fatti reali e pregiudizi ideologici, ripresi dallo stesso Hamel con un rigoroso percorso di ricerca e un modulo narrativo particolarmente accattivante che, inoltre, ipotizza che la donna non fosse realmente madre di Federico II.

Interrogativi e misteri compongono la prima vera biografia sulla regina di Sicilia, di cui si evidenziano per la prima volta anche gli aspetti di fragilità di una donna tradizionalmente ritenuta particolarmente forte.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.