Libri: "Un femminile per Bene", l'incontro di Vincenza Di Vita e l'opera di Carmelo Bene :ilSicilia.it

Opera edita nella collana "Filosofie del teatro"

Libri: “Un femminile per Bene”, l’incontro di Vincenza Di Vita e l’opera di Carmelo Bene

di
26 Febbraio 2020

Si presenta come un gioco di parole il libro di Vicenza Di Vita, ricercatrice, studiosa e critica teatrale, dal titolo “Un femminile per Bene – Carmelo Bene e le Ma-donne a cui è apparso“, in libreria da qualche mese edito da Mimesis Edizioni.

L’obiettivo di questa monografia è quello di scandagliare il lavoro di colui che viene considerato un “mostro sacro” del teatro del ‘900, da un punto di vista diverso.

Un femminile per Bene

E, citando lo stesso Bene, poiché “non è vero che la forma sia il contenuto” è pur vero che “la forma è l’urgenza che viene prima del contenuto“: ecco perché questo volume appare interessante nel suo approfondire la peculiare interazione con il mondo femminile.

Entrando in punta di piedi nell’esperienza beniana, tra cinema e teatro, viene fuori che “la creazione di artifici e artefatti mimici – scrive la Di Vita nel testo – è costruita attraverso l’imitazione di figure paradigmatiche come Eleonora Duse, Totò ma anche San Giuseppe da Copertino e le donne che appaiono dalle riviste di cronaca rosa, sfogliate da una santa che, annoiata, fuma una sigaretta con aria distratta, a cui ciondoli in testa una finta aureola“.

Perdutamente innamorata di lui sin dall’animosa adolescenza, come dichiara la Di Vita, l’incontro dell’autrice con Bene è un incontro di inchiostro e sensi che si nutre da diversi anni, tra incontri, doni di opere del Maestro e approfondimenti che hanno portato alla maturazione di “Un femminile per Bene“.

Esso assume la forma di una scrittura scenica, anche in luoghi inconsueti, attraversa una esasperata negazione della Storia – si legge nella seconda di copertina – L’apparizione alla Madonna e il volo, quasi fosse un mitologico Mercurio ma in abito talare di santo, e di un santo monaco per giunta, vengono trasfigurati in una dimensione terrena e femminea da cui ha origine l’indagine dell’autrice.

Ogni capitolo, infine, reca una citazione attinta da Notre-Dame-des-Fleurs, il romanzo d’esordio di Jean Genet, mentre è evidente che ad essere privilegiata, nella stesura del testo, è la dimensione attoriale e autorale di Carmelo Bene, attraverso la riflessione che incrocia la biografia e la poeticadel Maestro, sotto la lente d’ingrandimento del sacro.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.