Libri: "Un'estate come se", il bilancio sulla cultura italiana di Rubina Mendola :ilSicilia.it

in libreria da metà giugno

Libri: “Un’estate come se”, il bilancio sulla cultura italiana di Rubina Mendola

di
28 Maggio 2020

Si intitola “Un’estate come se“, il romanzo conversazione di Rubina Mendola – autrice palermitana che vive a Lucca – in uscita nelle librerie a metà giugno (Edizioni Smasher).

L’anonimo protagonista del volume decide di scrivere un romanzo che in realtà è il pretesto per presentare un bilancio della cultura italiana.

La sua frequentazione dell’industria culturale – si legge nella nota stampa – intesa come luoghi, spazi e persone reali e virtuali, lo ha trasformato ben presto in un compilatore seriale di taccuini in cui vengono registrati i suoi incontri fisici e virtuali.

Quando il suo viaggio di ricognizione e mappatura termina, questo personaggio si ritrova di fronte a un corollario variopinto di tic mondani e culturali che fotografano i vizi, le virtù e i peccati dell’età contemporanea.

Mendola- Un'estate come se

Il suo, però, non è un viaggio in solitudine: ha una famiglia spirituale che lo conforta e con la quale si confronta composta da scrittori e pensatori da una parte e opere letterarie dall’altra.

Si tratta di un appoggio che solleticherà le sue riflessioni durante la stesura del testo, nella cornice di una vacanza estiva indimenticabile.

Il suo viaggio non sarà privo di ostacoli: gli sarà infatti impossibile contenere tutta la complessità in una sola forma narrativa, che riduca e semplifichi l’eterogeneità dei materiali che nel tempo il nostro ha conservato con meticolosa precisione classificatoria.

Ed è in questo preciso istante che la sua opera abbandonerà l’idea di incastonare il testo in una tradizionale forma letteraria, per assumere quello di un genere letterario ibrido, una sorta di romanzo-saggio in cui una trama volutamente esile sarà in realtà il grande lancio per comporre finalmente quel mosaico delle patologie socio-culturali di cui le arti sembrano soffrire.

Da queste acuzie non sono esenti la scrittura, il linguaggio, la comunicazione e i diversi pubblici.

Si tratta di un caleidoscopio di vezzi e tic linguistici e ideologici della nostra contemporaneità che giocano con l’uso della lingua attraverso conversazioni e resoconti, trascrizioni di post tratti dai social e riflessioni personali.

La storia procede in un’agorà rumorosa, affollata da un numero sempre più crescente di personaggi-tipo che si dimenano tra visite, incontri, festeggiamenti, gite, ricevimenti, vernissage, atelier d’artista, colazioni, pranzi.

“Un’estate come se” (che si avvale della prefazione di Alfio Squillaci e la post fazione di Alessandro Lolli) è un romanzo in divenire, un gioco di scatole cinesi che orienta e allo stesso tempo disorienta la lettura, tanto che alla fine “si ha la sensazione che il protagonista – affabile quando irriverente linguista – sia riuscito a soggiogare il lettore, ma forse senza averlo vinto del tutto“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.