Licata. Comune nella bufera: sequestrato il porto turistico e chiesti due rinvii a giudizio :ilSicilia.it
Agrigento

Dalle casse sarebbero stati sottratti 7 milioni di euro

Licata. Comune nella bufera: sequestrato il porto turistico e chiesti due rinvii a giudizio

8 Marzo 2018

La procura di Agrigento ha posto sotto sequestro il porto turistico di Licata e chiesto il rinvio a giudizio per il dirigente del dipartimento Urbanistico del Comune di Licata, Vincenzo Ortega, e per l’imprenditore, Luigi Francesco Geraci.

Le accuse sarebbero di abuso d’ufficio e falso. Dalle casse del Comune di Licata, sarebbero stati sottratti 7 milioni di euro nell’ambito della realizzazione del porto turistico di Marina di Cala del Sole. Nell’inchiesta ci sono altri 22 indagati per reati in materia di edilizia e occupazione abusivo di demanio marittimo.

A renderlo noto, nel corso di una conferenza stampa, il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, ed il pubblico ministero, Alessandra Russo.

“Sono stati sottratti 7 milioni di euro alle casse del Comune di Licata – spiegano – grazie a un rapporto confidenziale del tutto anomalo fra il dirigente dell’Ufficio tecnico comunale Vincenzo Ortega e l’imprenditore nisseno Francesco Geraci che ha realizzato il porto turistico e tutte le strutture commerciali connesse senza pagare gli oneri concessori.

“L’indagine principale – aggiunge  Patronaggio – verteva sul mancato pagamento degli oneri concessori da parte dell’imprenditore Geraci, che ha costruito decine di locali destinati ad attività commerciali senza pagare un euro al Comune“.

“Nel 2014 – prosegue il pm Russo – la concessione demaniale è scaduta e, quindi, tutte le strutture che vi ricadono all’interno (pontili e aree ristorazione) sono a tutti gli effetti abusive. L’ordine di sgombero è stato violato e sono state persino realizzate altre opere”. 

Nell’ordine di sequestro sono finite pure tutte le attività commerciali e nautiche tra cui posti barca e cabine connesse alla struttura.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.