3 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.16

Verso l'assemblea nazionale dei dem

Licciardi: “Siciliani traditi dai 5Stelle, il Pd non faccia accordi con Miccichè o Musumeci”

28 Febbraio 2019

«L’anno scorso quasi metà dei siciliani ha votato per il Movimento 5 Stelle. Oggi una parte di quell’elettorato vive il sentimento della delusione e della disillusione per le tante promesse mancate e per la subalternità del Movimento alle politiche di destra di Salvini. Tanti siciliani avvertono il pericolo insito nella secessione mascherata delle regioni del nord voluta dalla Lega». Così Attilio Licciardi, candidato all’assemblea nazionale Pd a sostegno di Nicola Zingaretti e coordinatore provinciale area Orlando.

«Come democratici – prosegue saremmo degli idioti se non decidessimo di discutere e confrontarci con questi elettori delusi. Un Pd che cambia deve aprire porte e finestre ad energie nuove, a partire dalle primarie di domenica prossima.

Al Pd siciliano non serve un accordo con Miccichè o Musumeci che sarebbe invece letale. Occorre ricostruire il rapporto con i siciliani parlando anche ai tanti che si sono affidati ai 5 stelle e che ora si sentono traditi e abbandonati. Politiche attive per il lavoro, infrastrutture ecosostenibili e investimenti, sblocco dei cantieri, valorizzazione del patrimonio culturale ambientale e paesaggistico, tempo pieno a scuola, accoglienza e integrazione dei migranti sono terreni concreti per una migliore qualità della politica che punti allo sviluppo della Sicilia e al lavoro».

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Decidere in quale corteo sfilare

Il 19 Luglio ci rammenterà che cosa significa essere servitore dello Stato anche quando questo sembra dimenticarsi di te. Grande ammirazione per un comandante che fa il suo dovere e va avanti per il suo credo nella sua rotta.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.