26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42
Palermo

Nel mirino le possibile ricadute occupazionali

Licei quadriennali, Lagalla: “Vigileremo sull’andamento della sperimentazione”

3 Gennaio 2018

Arriva a stretto giro di posta la replica dell’Assessore all’Istruzione e alla Formazione Professionale Roberto Lagalla alle dichiarazioni di Graziamaria Pistorino, segretaria della Flc e Cgil Sicilia e del presidente della Consulta provinciale degli studenti, Flavio Scuderi, in merito alla sperimentazione avviata dal Miur per il conseguimento del diploma in quattro anni.

Premesso che le sperimentazioni in quanto tali esprimono sempre un valore innovativo – spiega Lagalla – mi permetto di osservare, senza alcun intento polemico, come quasi tutti i sistemi scolastici dei paesi europei e dell’area OCSE abbiano da tempo adottato il modello di formazione quadriennale. Sono convinto che la sperimentazione aiuterà la ricerca di idonei modelli operativi così come, nel condividere le preoccupazioni occupazionali espresse da Flc Cgil Sicilia e della Consulta provinciale degli studenti, ritengo che il corpo docente, lungi dall’essere ridimensionato, potrebbe essere utilmente impiegato attraverso un più moderno ed efficace schema di insegnamento, che tenga conto di competenze, abilità specifiche ed approfondimenti tematici“.

“L’Assessorato vigilerà per quanto di competenza – conclude Lagalla – sull’andamento della sperimentazione e la supporterà fino alla valutazione dei risultati, prestando particolare attenzione tanto ai problemi connessi alle attività formative, quanto a quelli collegati alla garanzia dei livelli occupazionali”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.