Licenziamenti a Banca Igea, Raffa (Fabi): "Ci aspettiamo una rapida smentita) :ilSicilia.it
Palermo

le dichiarazioni del coordinatore regionale

Licenziamenti a Banca Igea, Raffa (Fabi): “Ci aspettiamo una rapida smentita)

di
21 Gennaio 2020

Il coordinatore della Fabi Sicilia, Carmelo Raffa, commenta le recenti indiscrezioni relative a possibili licenziamenti all’interno dello staff di Banca Igea.

Carmelo Raffa
Carmelo Raffa, FABI SICILIA

Banca Igea si appresta a licenziare alcuni dipendenti con contratto a tempo indeterminato facendo leva su una non chiara necessità di procedere a una riorganizzazione in vista della fusione con la Banca del Fucino. Qualora la notizia fosse confermata, saremmo costretti a mobilitarci immediatamente, intraprendendo le necessarie azioni sindacali di forte contrasto“.

Ci aspettiamo, pertanto, una rapida smentita da parte dei vertici dell’azienda – guidata dall’ex direttore generale di Banca Nuova, Francesco Maiolini – anche perché nelle scorse settimane sono state effettuate nuove assunzioni che contrasterebbero con i paventati licenziamenti. Si tratterebbe di una operazione squallida e immorale, che colpirebbe sia le lavoratrici e i lavoratori di Banca Igea sia le loro famiglie“, chiosa Raffa.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.