Licenziamenti Ksm, sale la tensione tra istituto e lavoratori :ilSicilia.it

Ieri un gruppo di lavoratori non ha potuto riunirsi presso i locali dell'azienda

Licenziamenti Ksm, sale la tensione tra istituto e lavoratori

di
17 Agosto 2017

ksm corteoSi fanno sempre più tesi i rapporti tra Ksm ed i suoi dipendenti. Ieri un gruppo di circa 30 lavoratori non ha potuto riunirsi presso i locali dell’azienda di via Frà Pantaleo, nei pressi di via Duca della Verdura, nonostante avesse richiesto l’autorizzazione per tempo. Così i vigilantes sono stati costretti a riunirsi per strada.

La riunione si sarebbe dovuta svolgere dalle 11.30 alle 13.30 e aveva all’ordine del giorno i 524 esuberi dichiarati dall’istituto di vigilanza e i licenziamenti in corso.

L’azienda sostiene di aver letto la mail di richiesta soltanto alle 12.58. Per questo motivo i lavoratori non sono stati fatti entrare e sono stati invitati a rinviare l’incontro, seppure i locali fossero aperti.

E’ questo il segno evidente della tensione montata in questi giorni a seguito della decisione di Ksm di procedere ai licenziamenti.

La società, infatti, dopo la chiusura con esito negativo della procedura di confronto con i sindacati aveva chiesto alla prefettura di convocare un ulteriore tavolo di confronto.

Sembrava che la società volesse in qualunque modo giungere ad un accordo. Invece dopo qualche giorno la decisione di procedere con la formulazione della graduatoria e l’invio delle prime lettere di licenziamento.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.