Licenziamenti Sis: proteste in piazza per salvare il Passante di Palermo :ilSicilia.it
Palermo

Il 25 ottobre davanti l'assessorato alle Infrastrutture

Licenziamenti Sis: proteste per salvare il Passante di Palermo

24 Ottobre 2018

Cgil, Cisl e Uil assieme al sindacato degli edili alla protesta di giovedì 25 ottobre che vedrà scendere in piazza i lavoratori del consorzio Sis, del Passante ferroviario di Palermo.

Sotto le insegne di Fillea, FIlca e Feneal alle ore 9 è previsto un presidio sotto la sede dell’assessorato regionale Infrastrutture, in viale Leonardo da Vinci.

“Domani le confederazioni saranno al sit-in in via Leonardo da Vinci a sostegno dell’iniziativa del sindacato degli edili e in solidarietà con i lavoratori del passante. Respingiamo i licenziamenti, l’opera deve essere completata – dichiarano il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo, il segretario generale Cisl Palermo-Trapani Leonardo La Piana e il segretario generale Uil Palermo Gianni Borrelli Il settore è duramente colpito dal calo degli appalti pubblici, tutti gli indicatori sono in discesa, numero di imprese attive, massa salari, numero degli addetti. Cgil, Cisl e Uil chiedono che sia avviato al più presto con Comune e Regione un confronto per sbloccare le infrastrutture ferme e avviare i cantieri che potrebbero dare  respiro al settore e una risposta occupazionale al dramma che vivono  migliaia di disoccupati edili”.   

Le tre organizzazioni sindacali degli edili hanno proclamato lo sciopero contro l’avvio delle procedure di licenziamento dei 261 operai del passante e per denunciare  i ritardi nell’avvio delle opere pubbliche e le lungaggini burocratiche dell’Urega nell’aggiudicare gli appalti.

“Chiediamo innanzitutto la revoca dei licenziamenti e la tutela dei lavoratori del passante – dichiarano i segretari di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil Ignazio Baudo, Paolo D’Anca e Francesco Piastra – Avevamo chiesto diverse settimane fa  un incontro con l’assessore Falcone ma non è arrivata risposta, per questo abbiamo deciso di autoconvocarci.  Ci auguriamo che l’assessore sia presente. Questa è la prima manifestazione che faremo per denunciare la crisi del settore edilizio a Palermo e provincia, ogni anno più grave – aggiungono i tre segretari Baudo, D’Anca e Piastra – In questo momento la priorità è la tutela dei lavoratori del passante ferroviario, con le procedure di licenziamento già avviate.

Cefalù-Castelbuono - IL TRACCIATO
Cefalù-Castelbuono – IL TRACCIATO © D. G.

Bisogna trovare una soluzione in tempi rapidi: l’opera non può restare incompleta. Chiediamo che vengano concluse tutte le tape del  raddoppio ferroviario per l’intera linea. Subito dopo chiederemo di porre l’attenzione su  tutte le altre opere ferme, che non si riescono ad appaltare, come il raddoppio ferroviario Ogliastrillo-Castelbuono. La gara è stata aggiudicata nel 2012 alla Toto Costruzioni e il cantiere dopo sei anni non è ancora stato aperto”.   

 

LEGGI ANCHE:

Scandalo incompiute: dopo 10 anni di lavori il Passante di Palermo resterà incompleto

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.