Licenziamenti Sis: proteste in piazza per salvare il Passante di Palermo :ilSicilia.it
Palermo

Il 25 ottobre davanti l'assessorato alle Infrastrutture

Licenziamenti Sis: proteste per salvare il Passante di Palermo

di
24 Ottobre 2018

Cgil, Cisl e Uil assieme al sindacato degli edili alla protesta di giovedì 25 ottobre che vedrà scendere in piazza i lavoratori del consorzio Sis, del Passante ferroviario di Palermo.

Sotto le insegne di Fillea, FIlca e Feneal alle ore 9 è previsto un presidio sotto la sede dell’assessorato regionale Infrastrutture, in viale Leonardo da Vinci.

“Domani le confederazioni saranno al sit-in in via Leonardo da Vinci a sostegno dell’iniziativa del sindacato degli edili e in solidarietà con i lavoratori del passante. Respingiamo i licenziamenti, l’opera deve essere completata – dichiarano il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo, il segretario generale Cisl Palermo-Trapani Leonardo La Piana e il segretario generale Uil Palermo Gianni Borrelli Il settore è duramente colpito dal calo degli appalti pubblici, tutti gli indicatori sono in discesa, numero di imprese attive, massa salari, numero degli addetti. Cgil, Cisl e Uil chiedono che sia avviato al più presto con Comune e Regione un confronto per sbloccare le infrastrutture ferme e avviare i cantieri che potrebbero dare  respiro al settore e una risposta occupazionale al dramma che vivono  migliaia di disoccupati edili”.   

Le tre organizzazioni sindacali degli edili hanno proclamato lo sciopero contro l’avvio delle procedure di licenziamento dei 261 operai del passante e per denunciare  i ritardi nell’avvio delle opere pubbliche e le lungaggini burocratiche dell’Urega nell’aggiudicare gli appalti.

“Chiediamo innanzitutto la revoca dei licenziamenti e la tutela dei lavoratori del passante – dichiarano i segretari di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil Ignazio Baudo, Paolo D’Anca e Francesco Piastra – Avevamo chiesto diverse settimane fa  un incontro con l’assessore Falcone ma non è arrivata risposta, per questo abbiamo deciso di autoconvocarci.  Ci auguriamo che l’assessore sia presente. Questa è la prima manifestazione che faremo per denunciare la crisi del settore edilizio a Palermo e provincia, ogni anno più grave – aggiungono i tre segretari Baudo, D’Anca e Piastra – In questo momento la priorità è la tutela dei lavoratori del passante ferroviario, con le procedure di licenziamento già avviate.

Cefalù-Castelbuono - IL TRACCIATO
Cefalù-Castelbuono – IL TRACCIATO © D. G.

Bisogna trovare una soluzione in tempi rapidi: l’opera non può restare incompleta. Chiediamo che vengano concluse tutte le tape del  raddoppio ferroviario per l’intera linea. Subito dopo chiederemo di porre l’attenzione su  tutte le altre opere ferme, che non si riescono ad appaltare, come il raddoppio ferroviario Ogliastrillo-Castelbuono. La gara è stata aggiudicata nel 2012 alla Toto Costruzioni e il cantiere dopo sei anni non è ancora stato aperto”.   

 

LEGGI ANCHE:

Scandalo incompiute: dopo 10 anni di lavori il Passante di Palermo resterà incompleto

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.